C.Re.S.Co. Incontro sul sistema culturale romano

Comunicato stampa

SUL SISTEMA CULTURALE ROMANO E REGIONALE – Teatro Argentina

lunedì, 24 marzo 2014 – ore 16.00

C.Re.S.Co. – Coordinamento nazionale delle realtà della Scena Contemporanea nell’operatività della rete regionale del Lazio convoca l’incontro pubblico il 24 marzo h. 16.00 al Teatro Argentina (Sala Squarzina) , dopo un percorso di confronto partecipato, aperto alle strutture e alle soggettività artistiche e culturali della città, condotto in collaborazione con AGIS Lazio, Teatro Valle Occupato, Angelo Mai Altrove Occupato e con critici, artisti e operatori.

All’incontro, nato dall’urgenza di un confronto pubblico in cui porre collettivamente le tematiche relative alla costruzione di un vero sistema culturale metropolitano e regionale in grado di leggere la dinamicità del panorama artistico e costruire strumenti efficaci allo sviluppo della cultura del contemporaneo nel nostro territorio, aperto ad operatori / artisti / critici / spazi / compagnie, hanno dato conferma di partecipazione:

Lidia Ravera – Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio
Flavia Barca – Assessore alla Cultura, creatività e promozione artistica di Roma Capitale
Eugenio Patanè – Presidente Commissione Cultura, diritto allo studio, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, spettacolo, sport e turismo della Regione Lazio

Sono inoltre stati invitati:
Michela Di Biase – Presidente Commissione VI Cultura, Politiche Giovanili e Lavoro di Roma Capitale
Massimiliano Smeriglio – Assessore Formazione, Ricerca, Scuola, Università della Regione Lazio

L’incontro pubblico intende porre temi specifici e proposte concrete:
Temi: Legge regionale, Bandi, Finanziamenti specifici per la produzione, Circuitazione e diffusione.
• Specifici canali di finanziamento per la produzione
• Programmazione pluriennale
• Accessibilità e trasparenza dei Bandi
• Superamento delle incertezze sui tempi di erogazione dei contributi
• Creazione di residenze metropolitane, come risposta alle nuove soggettività artistiche e alla creazione, oltre le officine culturali sul territorio regionale
• Sostegno allo sviluppo di un tessuto regionale che preveda la creazione di residenze e una rete di teatri, comunali e privati, finalizzata a riequilibrare l’offerta culturale sul territorio regionale
• Sostegno alle realtà produttive della nostra regione anche fuori dal territorio regionale e nazionale: attraverso una piattaforma e un sostegno concreto alla mobilità degli artisti, la circuitazione e la promozione.

Temi: Spazi, Formazione, Piano Interassessorile.
• Mappatura degli spazi metropolitani e regionali riconvertibili in spazi culturali
• Destinazione di questi spazi alla produzione contemporanea
• Istituzione di una piattaforma regionale di formazione delle arti e mestieri dello spettacolo contemporaneo per tutto l’arco della vita come da normativa europea
• Sostegno a figure professionali attraverso il miglioramento dello statuto sociale e fiscale
• Sostegno alla multiattività e alla mobilità verso l’estero
• Sviluppo del modello operativo ed economico dell’impresa sociale

Partendo dai materiali raccolti dal percorso di interlocuzione avviato in questi mesi da C.Re.S.Co. Lazio, si è deciso di lanciare tre riunioni / tavoli di lavoro preparatori condivisi con artisti, compagnie, operatori, critici, spazi, in collaborazione con AGIS Lazio, Teatro Valle Occupato, Angelo Mai Altrove Occupato: Lunedì 24 febbraio al Teatro Piccolo Eliseo Patroni Griffi- Legge regionale e sistema culturale regionale; Lunedì 10 marzo all’Opificio Telecom – Sistema culturale metropolitano (produzione, festival, spazi); Lunedì 17 marzo all’Angelo Mai Altrove Occupato – Sintesi dei temi analizzati nei primi due incontri e costruzione dell’incontro del 24 marzo.

L’obiettivo di C.Re.S.Co. Lazio è collaborare con quelle iniziative che stanno offrendo riflessioni e prospettive di cambiamento per le politiche culturali cittadine e informare tutti gli interessati sulle tappe dei percorsi, al fine di poter intervenire attivamente con il proprio contributo. Questo approccio non vuole annullare le differenze di vedute, bensì creare maggior consapevolezza generale sul ruolo importante che molte esperienze stanno apportando ad una ‘piattaforma partecipata’ di cambiamento e costruire una visione condivisa e trasversale, malgrado la sordità e il ritardo imbarazzante delle istituzioni.
Si ringraziano il Teatro Eliseo, Fondazione Romaeuropa, Angelo Mai Altrove Occupato e Teatro di Roma per aver ospitato gli incontri.

C.Re.S.Co. è un organismo nazionale che raccoglie e rappresenta 128 tra professionisti, strutture e festival che utilizzano i nuovi linguaggi della scena: si è posto e si pone quale interlocutore propositivo presso le istituzioni nazionali (MiBACT) e le loro declinazioni territoriali deputate a legiferare in materia, facendosi portavoce di istanze collettive.

www.progettoCReSCo.it

Teatro Argentina – Largo di Torre Argentina 52, Roma