Stagione 2013 – 2014 Teatro della Tosse di Genova

STAGIONE 2013-14
TEATRO DELLA TOSSE – GENOVA

Cartellone “In„ Trionfo

Dal 23 ottobre al 3 novembre
ANTIGONE
Produzione Tosse
Prima Nazionale
di Jean Anouilh
regia di Emanuele Conte

Ispirato alla tragedia di Sofocle il testo del drammaturgo francese Jean Anouilh, è stato scritto nel 1942, quando la Francia vive l’occupazione tedesca sotto il governo di Vichy. L’opera deve attendere due anni per il visto della censura tedesca e viene rappresentata nel 1944 davanti ad un pubblico misto di francesi e tedeschi.
Antigone, giovane eroina si immola, come da copione, per amore, per le sue idee, perché così deve essere. La lotta di forze opposte nell’ineluttabilità tragica del destino, porta la giovane Antigone figlia di Edipo, a sacrificarsi per un ideale. Creonte, lo zio despota, dovrà difendere la ragion di Stato dai violenti attacchi della ragazza alle convenzioni del potere costituito. Uno scontro dialettico senza buoni e senza cattivi, in cui ognuno è destinato a recitare la sua parte, fino in fondo.

Dal 7 al 10 novembre 2013
CIRCUS KLEZMER [ARTICOLO] Produzione internazionale
diretto da Adriàn Schvarzstein
drammaturgia di Irma Borges.

Gli acrobati e giocolieri di Circus Klezmer danno vita a uno spettacolo travolgente luminoso, indimenticabile tra la tradizione clownesca e la comicità surreale del teatro. L’abilità degli artisti del circo e dell’arte di strada disegnerà una vicenda ambientata in un paese dell’est europeo travolta dai frenetici preparativi per l’organizzazione di un matrimonio.
Uno spettacolo in pieno stile nouveau cirque, che mischia i colori dei quadri di Marc Chagall con il ritmo trascinante della musica klezmer. Anche il pubblico sarà coinvolto nell’allestimento di questo particolare matrimonio.

Dal 14 al 16 novembre 2013
SOGNO IN UNA NOTTE D’ESTATE [RECENSIONE] Produzione Tosse
drammaturgia e regia Emanuele Conte e Elisa D’Andrea

Innamoramenti e fughe, incantesimi e teatrini, elfi e fate in una riscrittura di grande suggestione che mescola introspezione e sensualità. Uno spettacolo avvolgente, una coraggiosa e sensuale versione del grande classico di Shakespeare, che esplora i diversi strati di lettura del testo. In questa versione del Sogno è il tema della sessualità che viene messo in evidenza, esaminando le pulsioni tipiche della gioventù che comprendono sia la sfera fisica sia quella sentimentale.

Dal 22 al 24 novembre 2013
THE COUNTRY [RECENSIONE] di Martin Crimp
con Laura Morante e Gigio Alberti, Stefania Ugomari Di Blas
regia Roberto Andò

Lo spettacolo è scritto da Martin Crimp, considerato uno dei più interessanti drammaturghi contemporanei, con grande controllo e intelligenza teatrale offre una visione critica della società postmoderna geniale e convincente. Nei panni della protagonista Laura Morante, raffinata e apprezzata artista capace di affrontare con particolare sensibilità ruoli intensi. L’attrice, dopo i recenti successi cinematografici, ottenuti nella doppia veste di regista e interprete, torna al teatro dove aveva debuttato giovanissima nell’Amleto di Carmelo Bene. Protagonista maschile Gigio Alberti, versatile e affermato attore molto amato dal pubblico per i suoi ruoli cinematografici e televisivi.

Dal 20 al 22 dicembre 2013
VANGELO SECONDO GIAN PIERO
Coproduzione
di e con Gian Piero Alloisio

Alloisio, drammaturgo e cantautore, affronta il tema della probabile divinità di Gesù come anticipo della possibile divinità di tutti. Costretto fra una tradizione che esalta il Figlio di Dio per allontanarlo da noi e il pregiudizio laico che riduce il Cristo a “brava persona”, Alloisio continuamente ci svela un Gesù uomo che via via impara a diventare Dio.
Con una tecnica ormai consolidata Alloisio utilizza tutte le forme espressive sperimentate in anni di teatro-canzone: il monologo, la canzone, il recitato su musica, il brano strumentale, l’improvvisazione, il coinvolgimento attivo del pubblico, il contributo a sorpresa di ospiti.

31 dicembre 2013
SHAKESPEARE DREAM musikabarett
Produzione Tosse

La notte del 31 dicembre tradizionale appuntamento con lo spettacolo di Capodanno della Tosse, che quest’anno porta in scena Shakespeare dream – musikabarett di Emanuele Conte e Amedeo Romeo con gli attori del Teatro della Tosse.
In un vecchio night anni’30 dal sapore berlinese, così lontano dalle tradizionali atmosfere del Sogno di Shakespeare, si snodano le diverse storie dei protagonisti. Il pubblico incontrerà tra i tavoli del locale i personaggi shakespeariani ormai maturi e scoprirà cosa è accaduto nel corso del tempo.
Un sogno in musica e in tante lingue: inglese, francese, spagnolo, tedesco e ovviamente italiano. Uno spettacolo Fuori abbonamento con la partecipazione straordinaria del pubblico, che verrà coinvolto e invitato a prendere parte alla commedia.

Dal 3 al 5 gennaio 2014
BANE
Produzione internazionale
di e con Joe Bone
musiche dal vivo di Ben Roe

Un’ora brillante di teatro comico, che è stato acclamato dalla critica internazionale. Uno spettacolo intenso e terribilmente divertente. Joe Bone è un talento straordinario capace di interpretare svariati personaggi, in carriera ha vinto numerosi premi: Best Theatre Show al Perth Fringe del 2013, Best Theatre Show week two all’Adelaide Fringe 2013, nel 2011: Jersey peoples choice award, Mervyn stutters spirit Fringe e Argus Angel, nel 2010 vince il Fringe Guru Editors choice award e il Three weeks editors award. In scena anche Ben Roe eclettico musicista britannico, entrambi sono i protagonisti di Bane. EVENTO DI CIRCUMNAVIGANDO FESTIVAL INTERNAZIONALE DI TEATRO E CIRCO

Dal 31 gennaio al 2 febbraio 2014
FRATTO_X [RECENSIONE] di Antonio Rezza e Flavia Mastrella
con Antonio Rezza e Ivan Bellavista

Performer e giullare contemporaneo, Antonio Rezza nei suoi spettacoli «semina potenza», come egli stesso ha affermato, e così è per Fratto_X firmato dalla premiata ditta Mastrella-Rezza, vincitrice del Premio Hystrio-Altre Muse 2013. L’habitat creato dalla sua partner artistica Flavia Mastrella, illuminato come un’immagine digitale, è il luogo dove Rezza inciampa, si muove, inventa. Lunghi lenzuoli si allungano sul palcoscenico, citando la X del titolo, avvolgendo e trasformando il suo abitante, impegnato a dar vita a figure antropomorfe e a una comicità surreale che si prende gioco dei tic della contemporaneità. Una produzione RezzaMastrella, Fondazione TPE – TSI La Fabbrica dell’Attore, Teatro Vascello.

Dal 13 al 15 febbraio 2014
THE WEDDING SINGERS
Produzione Tosse
Prima Nazionale
di Luca Ragagnin
regia Emanuele Conte
con Angela Baraldi

Lo spettacolo è firmato da Luca Ragagnin scrittore e paroliere, autore nel 2009, insieme a Enrico Remmert, di “2984”, testo teatrale ispirato a “1984” di George Orwell.
Nove donne un’unica interprete Angela Baraldi che con la sua band ci fa ripercorrere 10 anni di musica al femminile. In The Wedding singers protagoniste sono nove cantanti a cavallo tra gli anni ’60 e i ’70 nel momento del loro (vero o presunto) matrimonio. Sono davanti all’altare, sono in attesa dello sposo. Tra riflessioni sulla vita e un assolo di chitarra incontriamo le grandi protagoniste di un indimenticabile periodo della musica rock: Janis Joplin, Sandy Denny, Nico, Mama Cass Elliot, Laura Nyro, Nicolette Larson, Karen Carpenter, Judee Sill e Dusty Springfield. Regia di Emanuele Conte.

Dal 28 febbraio al 2 marzo 2014
IL SERVITORE DI DUE PADRONI
regia Antonio Latella
di Ken Ponzio

Dopo aver diretto il pluripremiato Un tram che si chiama desiderio, Premio Ubu e Premio Hystrio alla regia, Antonio Latella mette in scena Il Servitore di due padroni dalla commedia di Carlo Goldoni. La riscrittura del testo goldoniano è stata affidata a Ken Ponzio, giovane autore e drammaturgo formatosi come attore. Nel suo lavoro di riscrittura Ponzio è partito dalla considerazione che il teatro è vivo grazie al costante dialogo con il proprio presente, sotto forma di critica dialettica, e nel suo lavoro ha quindi tenuto conto degli innumerevoli cambiamenti che sono avvenuti nel corso di più di due secoli e mezzo. Ma al contempo ha voluto restituire ai personaggi “veneziani” gli impulsi delle loro maschere originali assieme ad alcuni tratti “provinciali” che tanto caratterizzano noi italiani; mentre a quelli “torinesi” ha aggiunto una nota francese nella lingua e nell’identità per renderli anche ai nostri occhi dei “foresti”.

22 marzo 2014
QUINTORIGO EXPERIENCE

QUINTORIGO EXPERIENCE è dedicato interamente al grande chitarrista americano Jimi Hendrix, nato il 27 novembre 1942 a Seattle. Precursore di molte strutture e del sound di quelle che sarebbero state le future evoluzioni del rock attraverso un’inedita fusione di blues, rhythm and blues, soul, hard rock, psichedelia e funky, Hendrix ha segnato indelebilmente almeno tre generazioni. Figli dello stesso atteggiamento artistico, mostrando rara versatilità e capacità strumentale e permettendosi di shakerare suoni e generi musicali come classico, rock, jazz, punk, reggae, funky, blues, i QUINTORIGO, dopo il bellissimo omaggio a Charles Mingus, presentato in tantissimi concerti e nei principali festival italiani con numerosi riconoscimenti non potevano esimersi dal compiere un sentito ed originale tributo al genio dell’artista statunitense

Dal 25 marzo al 6 aprile 2014
ADAGIO
Produzione Tosse
Prima Nazionale
Dal 25 marzo al 6 aprile Adagio, una nuova produzione del Teatro della Tosse in Prima Nazionale. Un testo inedito di Emanuelle delle Piane, drammaturga svizzero francese, sul tema della morte.

Uno spettacolo composto di nove “drammetti” ispirati ad altrettanti adagio musicali per analizzare, sdrammatizzare ed esorcizzare il tema della morte. Adagio è diretto da tre diversi giovani registi: Elisa D’Andrea, Yuri D’Agostino e Elisabetta Granara, che hanno alle spalle storie molto diverse tra loro.
Ogni regista dirigerà tre “drammetti” guidando l’interpretazione dei quattro attori impegnati sul palco per l’intera durata del testo. Nasce così uno spettacolo unico con tre punti di vista originali e personali.

Dal 17 al 19 aprile 2014
BASTARD!
Produzione internazionale
di Duda Paiva

Il cartellone della sala Trionfo si chiude con un ospite straniero Duda Paiva, olandese di origini brasiliane, che porta in scena il travolgente Bastard!. Liberamente ispirata al romanzo L’arrache-coeur dell’eclettico Boris Vian, la storia prende la forma di una sorta di viaggio onirico non troppo differente da Alice in Wonderland. Al suono del brano (anche questo di Vian) J’suis snob, un distinto ed euforico tipo in abito scuro sviene, ubriaco, tra i rifiuti di una sudicia discarica. Al suo risveglio, si scoprirà trasportato in una dimensione parallela da cui è impossibile uscire, popolata solo da una coppia di vecchietti decrepiti. In scena c’è solo Paiva, tutti gli altri personaggi (i due anziani, il gatto e un’esilarante testa di cavallo che ogni tanto si impossessa della sua gamba) sono pupazzi di gommapiuma. Sesta produzione della Duda Paiva Company, Bastard! vale come piccola summa del lavoro di questo artista assolutamente imprevedibile, che qui unisce doti di mattatore irriverente, comicità demenziale, sopraffina abilità di costruzione e manipolazione di pupazzi, ventriloquio, danza, videoproiezioni ed estro drammaturgico in una sarabanda di segni e suggestioni che è grande intrattenimento e, al contempo, raffinata riflessione sulla logica del teatro di figura.

 

Cartellone Cantiere Campana

Dal 18 al 20 ottobre 2013
IO SONO IL PROIETTILE
Prima Nazionale
di e con Edoardo Ribatto

Radiodramma per attore solo e vocoder.
Una storia della Russia negli anni ’60 raccontata come un thriller psicologico del nuovo millennio. Io sono il proiettile è liberamente ispirato all’opera e alla vita di Yuri Markus Daniel, scrittore dissidente processato e condannato per reati d’opinione. Il suo caso fu clamoroso perché le opinioni che gli venivano contestate non erano sue ma dei personaggi dei suoi romanzi. E’ come se si volesse mettere in galera Shakespeare per le opinioni di Jago. E, di fatto, avvenne proprio così.

Dal 28 novembre all’8 dicembre 2013
ZOMBITUDINE
Coproduzione
Prima Nazionale
di e con Daniele Timpano e Elvira Frosini

Un uomo e una donna, rifugiati in un teatro insieme al pubblico, attendono l’arrivo di qualcuno, di qualcosa: un nuovo inizio? La morte? Un cambiamento?
Non si sa se bello o brutto, ma un evento sta arrivando. O forse arrivano gli Zombi.
Uno spettacolo incentrato sui “non morti” resi famosi in tanti film di genere a partire dalla Notte dei morti viventi di George Romero. Gli autori si chiedono se alla fine non siamo proprio noi gli Zombi.
Noi siamo loro e loro sono noi? Il nostro passato, il nostro presente e l’unico futuro. Lo Zombi è Il vecchio che non muore e il nuovo che non c’è. Lo Zombi è l’impossibilità della morte e dunque della resurrezione. Lo Zombi è un morto che cammina e non sa dove va. Come noi.
Gli Zombi siamo noi.

Dal 12 al 14 dicembre 2013
4:48 PSYCHOSIS
di Sarah Kane
regia di Valentina Calvani
con Elena Arvigo

4.48 Psychosis: un grido d’amore e una lucida fragilità interpretati da Elena Arvigo che in scena dà voce e corpo a uno dei testi più assoluti e intimi del teatro contemporaneo mondiale. Il monologo è una partitura lirica sull’amore e sull’assenza attraversato in versione totalmente integrale in 50 minuti da Elena Arvigo. 4.48 Psychosis è composto da 24 quadri in cui non ci sono indicazioni per la messa in scena né temporali né psicologiche.
Il dramma è dunque diviso in più discorsi pronunciati da una miriade di voci appartenenti a un’unica persona. Il dramma è scritto dal punto di vista di qualcuno con gravi problemi di depressione, un disordine mentale di cui Sarah Kane stessa soffriva.

Dall’8 al 12 gennaio 2014
PERSONAGGI IN CERCA D’ATTORI
Prima Nazionale
Compagnia dei Demoni

Il 2014 inizia con la Compagnia Dei Demoni e il loro spettacolo Personaggi in cerca d’attori, che lo scorso anno era stato presentato in forma di studio all’edizione 2013 di Pre-Visioni.
In una sala d’attesa alcune persone aspettano. Sono personaggi che aspettano di andare in scena, di entrare nel corpo e nell’anima di un attore che in qualche parte del mondo sta per rappresentare l’opera di cui sono protagonisti. In quel luogo di attesa parlano, discutono del passato e del presente, si confrontano fino al momento in cui qualche attore non decide di portarli in scena e interrompere così, bruscamente, la loro conversazione.

Dal 6 all’8 febbraio 2014
NOT HERE NOT NOW
Prima Nazionale
di e con Andrea Cosentino

Not here not now di Andrea Cosentino debutta giovedì con un incontro/scontro tra teatranti e body artist, il lazzo del clown contro il martirio del corpo come testimonianza estrema.
Un assolo da stand up comedian per spettatori fatalmente passivi e programmaticamente maltrattati, con pupazzi parrucche martelli di gomma e nasi finti. E ketchup, naturalmente.
Il resoconto di un’esperienza attiva con Marina Abramovic, sotto forma di dramoletto polifonico.

Dal 20 al 22 febbraio 2014
NON E’ QUEL CHE SEMBRA [RECENSIONE] scritto e diretto da da Virginio Liberti
prodotto da Gogmagog
con Tommaso Taddei

Uno spettacolo che riflette sulla comunicazione moderna attraverso due personaggi simbolo della nostra contemporaneità: un politico appena eletto e un protagonista della cronaca nera.
Lo spettacolo ragiona sul gesto di uccidere e le sue assurde motivazioni psicologiche, familiari e culturali. In questa vetrina di orrori ritroviamo il piacere macabro che anima i nostri mezzi di informazione e la tipologia umana che cerca di giustificare una tale gratuita violenza.

8 marzo 2014
LA SOLITUDINE DELL’APE
regia di Antonio Tancredi
Scritto da Alessandro Hellmann, Andrea Pierdicca, Antonio Tancredi, Paolo Enrico Archetti Maestri.

Spettacolo di narrazione e canzoni con Andrea Pierdicca e gli Yo Yo Mundi.
Una narrazione per scoprire un piccolo mondo che vive accanto a noi e che regala a chi lo sa osservare preziosi consigli, per il presente e per lʼavvenire. Le api esistono da milioni di anni, prima ancora dell’arrivo dell’uomo. Ma oggi, in diversi paesi del mondo, sono in crisi. Che cosa sta succedendo? Cosa è cambiato? E cosa cʼentrano la vita del chimico Justus Von Liebig, il modo di coltivare la terra e di alimentarsi con lʼattuale diminuzione delle api negli alveari?

Dal 12 al 16 marzo 2014
I, SHAKESPEARE
Fabrizio Arcuri e l’Accademia degli Artefatti sono in scena dal 12 al 16 marzo con il progetto I, Shakespeare.

Si tratta di un progetto che interroga la convenzione teatrale, mettendola in crisi, e verificandone la possibilità attuale di parlare del, e al, presente, a partire da testi che della stessa convenzione teatrale ne hanno segnato le fondamenta. Tim Crouch permette così di ripensare politicamente il teatro, riguardo ai meccanismi e alle geometrie relazionali che mette in campo: chi decide cosa è la verità? Chi è il vero soggetto del discorso? Chi ha il potere di raccontare ‘come vanno le cose’? Qual è il ruolo dello spettatore, di chi guarda? In che termini può sentirsi rappresentato? A cosa dobbiamo e possiamo credere? 5 spettacoli che sono 5 diversi modi di relazione con il testo, con l’interpretazione e con lo spettatore, che però partono da una premessa comune: si tratta di lavorare su un’esposizione pornografica di sé come attore e come persona, e di riposizionare il proprio corpo
e i propri pensieri nel contesto scenico quotidianamente riattualizzato. Al Cantiere Campana saranno presentati: I BANQUO prodotto dalla Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse, I PEASEBLOSSOM prodotto da Accademia degli Artefatti, I CINNA coprodotto da CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia e lo studio di I CALIBAN coprodotto da L’Uovo Teatro Stabile di Innovazione.

Dal 10 al 12 aprile 2014
LUCIDO [RECENSIONE] di Rafael Spregelburd
Traduzione Valentina Cattaneo, Roberto Rustioni
regia Milena Costanzo, Roberto Rustioni

Lucido spettacolo vincitore del Premio Ubu 2011 nuovo testo straniero, è una commedia moderna ambientata a Buenos Aires, dove le vicende di una strana famiglia toccano temi universali. E’ un’opera scritta come un meccanismo a orologeria perfetto, piena di humour nero, dialoghi ingegnosi e pirotecnici. Il gioco comico è continuamente rilanciato in modo brillante e sorprendente, mentre sotto scorre un’anima tragica. Da bambina una sorella dona un rene al fratello agonizzante e questo, in seguito avrà un costo enorme. Dopo molti anni la sorella ritorna a reclamare ciò che è suo. La trattativa è da incubo e la lucidità sporadica. Alla fine tutti dovremo trovare un ordine là dove non c’è.

BIGLIETTI

BIGLIETTI “IN„ TRIONFO
spettacoli prodotti dal TEATRO DELLA TOSSE intero € 20 – ridotto € 18
spettacoli ospiti * intero € 24 – ridotto € 22
under 30 biglietto ridotto € 18
under 30 con TESSERA CANTIERE CAMPANA ALLE PRIME ridotto € 16
studenti scuole superiore ridotto € 10

*i prezzi indicati sono validi per tutti gli spettacoli ospiti IN TRIONFO ad esclusione dello spettacolo “BANE” , evento di Circumnavigando Festival Internazionale di Teatro e Circo (intero €15 – ridotto €12)

NOVITA’: se acquisti più di 4 biglietti interi per lo stesso spettacolo della stagione “In„ Trionfo, un biglietto te lo regaliamo noi. Inoltre agevolazioni per famiglie.

BIGLIETTI CANTIERE CAMPANA
biglietto intero € 14
biglietto ridotto con TESSERA CANTIERE CAMPANA € 12
studenti scuole superiore ridotto € 10

info su www.teatrodellatosse.it