Teatro NEWS – Testimonianze Ricerca Azioni 2013. Teatro Akropolis, Genova

Testimonianze ricerca azioni, dall’8 al 24 marzo 2013, giunge alla sua quarta edizione e si conferma come uno dei principali appuntamenti in Italia per il teatro di ricerca. Organizzata da Teatro Akropolis, sotto la direzione artistica di Clemente Tafuri e David Beronio, l’edizione 2013 si presenta rinnovata rispetto agli anni precedenti, tanto per la durata che per i contenuti. Quest’anno infatti il festival sarà concentrato in 16 giorni di eventi, spettacoli, laboratori, seminari e incontri indirizzati a un pubblico sempre più ampio e variegato con una particolare attenzione a chi al teatro intende avvicinarsi con strumenti critici sempre più approfonditi.

La programmazione si aprirà mercoledì 13 marzo con una serata dedicata al teatro danza, con la Compagnia Nari-Frangioni/UBIdanza e con Cristiano Fabbri. UBIdanza porterà in prima nazionale al Teatro Akropolis il suo ultimo lavoro dal titolo Principesse a progetto: I atto, dopo un debutto in prima assoluta a Liverpool. Cristiano Fabbri presenterà nella stessa serata Natura morta con gioco – studio, prima assoluta del nuovo lavoro del danzatore genovese, creato espressamente per l’edizione 2013 del festival. Sia UBIdanza che Cristiano Fabbri mettono in scena i loro spettacoli dopo due settimane di residenza creativa trascorse a Teatro Akropolis.
Giovedì 14 marzo, sarà la volta della compagnia Teatro delle Moire, gruppo i cui lavori sono rappresentati nei principali festival teatrali italiani, per la prima volta in Liguria. La compagnia milanese metterà in scena PlayRoom, spettacolo che indaga le tematiche dell’identità, dell’infantilismo contemporaneo, della dissoluzione della figura paterna.
Un’altra novità assoluta per la Liguria è la presenza della regista romana Roberta Nicolai e del suo gruppo Triangolo Scaleno Teatro, che il 15 marzo metteranno in scena Profanazioni, spettacolo che costituisce il primo quadro del Trittico dello Spaesamento, un’indagine sul sentimento e il significato dello spaesamento dell’uomo contemporaneo, che prende ispirazione dai testi del filosofo Giorgio Agamben e dello scrittore e poeta Jorge Luis Borges.

La serata di sabato 16 marzo sarà dedicata alla Compagnia Teatro Akropolis e alle evoluzioni subite nel corso dell’anno dal suo ultimo lavoro, Amor fati, L’anticristo, Morte di Zarathustra. Una trilogia su Friedrich Nietzsche, e maturate in particolare durante la fortunata tournée estiva in Brasile.
Domenica 17 marzo andrà in scena Arabesco, performance diretta da Clemente Tafuri, che vede protagonisti i tre giovani attori che il regista ha seguito durante l’ultimo anno in un laboratorio permanente. Si tratta di un progetto avviato già da tre anni, in cui ogni anno viene selezionato un ristretto gruppo di attori, seguiti da Tafuri in un percorso di studio intorno ai punti focali della ricerca di Teatro Akropolis. I differenti risultati del percorso da parte dei diversi gruppi che si avvicendano trovano espressione e forma in Arabesco. Una performance, quindi, ogni anno inedita, e che tuttavia costituisce nel tempo un orizzonte comune di indagine.
La vera novità di questa edizione del festival è costituita da una forte componente laboratoriale.

Un primo laboratorio è dedicato a chi di teatro vuole scrivere, infatti, per tutto il periodo del festival la redazione romana di Teatro e Critica, una delle più importanti webzine culturali di critica teatrale, si trasferirà a Genova e terrà un laboratorio di critica teatrale, in collaborazione con l’Università di Genova e il Comune di Genova. I partecipanti al laboratorio, tutti tra i 18 e i 35 anni e selezionati tramite bando, seguiranno tutte le serate di spettacolo, costituendo una vera e propria redazione che sotto la guida di Andrea Pocosgnich e Sergio Lo Gatto lavorerà alla stesura di articoli e approfondimenti critici sugli spettacoli visionati.
Visto il successo delle scorse edizioni, il 15 e 16 marzo tornerà a Genova Marco De Marinis, direttore del DAMS di Bologna, con un seminario gratuito dal titolo L’attore e il performer. Tipologie attoriali postnovecentesche. Il seminario, svolto anche grazie all’ausilio di materiale video inedito proveniente dagli archivi del DAMS, si svolgerà nell’auditorium dell’ex manifattura tabacchi a Sestri Ponente.

Il 20 marzo sarà una giornata dedicata agli operatori dello spettacolo e agli organizzatori di eventi, che vedrà come sede Villa Bombrini di Cornigliano. La giornata inizierà alle ore 10 con Simone Pacini, giornalista di Fattiditeatro, che terrà un focus gratuito e aperto al pubblico sull’uso dei social network e del web 2.0 come strumenti attivi di promozione e divulgazione negli eventi culturali. Il titolo del focus sarà Pillole di #comunicateatro, già presentato con successo da Simone Pacini nell’ambito dei principali festival italiani.

Alle 15, sempre a Villa Bombrini, si aprirà il primo convegno regionale di C.Re.S.Co., (Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea), la più importante rete nazionale di teatri e gruppi teatrali. Dal 2012 Teatro Akropolis è diventato Antenna Territoriale per la Liguria di questa rete nata per contrastare attivamente le mancanze del sistema culturale italiano, assumendosi il compito di monitorare le diverse realtà che lavorano in ambito teatrale nella nostra regione e di diventare un punto di riferimento per le diverse istanze che animano chi in Liguria lavora nel teatro. Il convegno vuol essere un’occasione di incontro e di condivisione dei percorsi, dei risultati e delle aspettative di C.Re.S.Co. Simone Pacini seguirà i lavori del convegno e ne darà notizia sul web, pubblicando in tempo reale gli interventi più significativi su #crescoliguria.
La giornata si chiuderà alle 18.30 con lo spettacolo a ingresso libero Amor fati, della Compagnia Teatro Akropolis.
Il festival si chiuderà con un workshop tenuto da Clemente Tafuri, David Beronio e gli attori della Compagnia Teatro Akropolis durante le giornate del 22, 23 e 24 marzo. Il workshop verterà sul lavoro dell’attore in materia di azione fisica ed è rivolto a tutti, sia professionisti che non.

La forte specificità che identifica Testimonianze ricerca azioni si esprime anche quest’anno attraverso la pubblicazione di un volume edito da AkropolisLibri e Le Mani Editore, che raccoglie gli interventi di tutti gli artisti e gli studiosi che partecipano all’iniziativa, consentendo di approfondirne la conoscenza e i risvolti più profondi.convegno regionale di C.Re.S.Co.,
Testimonianze ricerca azioni 2013 è sostenuto da Regione Liguria, Comune di Genova, Municipio VI Medio Ponente, Società per Cornigliano e Fotocarasciò.

Vai al programma