Teatro NEWS – Comunicato dimissionari CeNDIC

Noi sottoscritti autori teatrali, già soci fondatori del Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea (CeNDIC), comunichiamo pubblicamente il nostro netto dissenso nei riguardi dell’operato di parte del Consiglio Direttivo e della Presidenza dello stesso CeNDIC. Ad ormai un anno dall’atto di fondazione del Centro, riteniamo che la gestionedirettiva del Consiglio non abbia interpretato lo spirito ideale che aveva unito circa 170 autori nazionali nell’obiettivo di difendere, diffondere, sviluppare la drammaturgia italiana contemporanea, e nonostante i numerosi e ripetuti richiami ai consiglieri al rispetto dei principi statutari e delle regole di dialogo interno, la modalità con cui una parte
maggioritaria del Consiglio ha reiterato una politica verticistica ci vede costretti alla seguente nota pubblica di dissenso.
Non ci riconosciamo nelle scelte del Consiglio Direttivo in merito alla partecipazione attiva
e pubblica del CeNDIC alla definizione della nota “Delibera Gasperini”, con cui l’Assessore
alle Politiche Culturali del Comune di Roma ha inquadrato il futuro del circuito dei teatri di
cintura cittadini in direzione di una struttura a chiara attitudine politico-burocratica
denominata “Casa dei teatri e della drammaturgia contemporanea”. Riteniamo che tale
partecipazione sia stata lesiva all’immagine del CeNDIC in quanto ha avallato
un’operazione confusa, osteggiata dai principali ambienti artistici e produttivi del teatro
romano, sostanzialmente inutile ai fini della promozione della drammaturgia italiana, e
soprattutto palesemente opposta sia al mandato che l’Assemblea dei Soci aveva conferito
al Consiglio Direttivo, sia a quanto i delegati del CeNDIC avevano in un primo momento
richiesto ai rappresentanti del Comune. Riteniamo altresì grave che le ripetute prese di
distanza verso le suddette scelte del Consiglio, da parte di numerosi soci, non siano state
adeguatamente rese note agli altri soci, o lo siano state solo a fronte di pressanti richieste.
Siamo costretti a denunciare con stupore e delusione la presenza all’interno del Consiglio
Direttivo del CeNDIC di una consolidata prassi gestionale e decisionale figlia di una
discutibile visione secondo la quale un mandato assembleare alla direzione del Centro si
possa e debba trasformare in una conduzione oligarchica, che non tenga conto delle
opinioni e delle sensibilità espresse dalla base dei soci.
Per quanto sopra esposto, noi sottoscritti comunichiamo la decisione di dimetterci dalla
qualifica di soci del Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea, dimissioni
che verranno formalizzate nei prossimi giorni secondo le modalità previste dallo Statuto.
Rimane in noi tuttavia forte e viva la voglia di confrontarsi, dibattere e organizzare insieme
iniziative in cui tutti gli autori siano pari, secondo la stessa comune visione etica e
associativa che ispira le ragioni di questo comunicato.

tra i firmatari:Aldo Alatri, Gianfranco Berardi. Fabio Franceschelli, Gianni Guardigli, Adriana Martino, Pierpaolo Palladino, Marzia Spanu