L’Utopia di Leo Bassi: mal-trattato di retorica

Foto di Martha Baggetta

Leo Bassi è un clown. Lo è come lo sono i clown: a vita e per l’intera vita. Leo Bassi è un comico giramondo, la sua missione è quella di irridere il potere, mettere in crisi i sistemi che governano il mondo e farsi beffa della loro sicurezza di conduzione: che si tratti di politici o banchieri in loro funzione, la sua missione è distruggerli facendo ridere di loro, ridicolizzarli con la violenza che è di ogni buffone. Beppe Grillo è un comico italiano che qualche anno fa ha scelto di convogliare le energie con cui vessava il potere in un movimento politico oggi arrivato a guidare un’amministrazione cittadina e a sfidare i partiti tradizionali per le prossime elezioni nazionali. Leo Bassi irride Beppe Grillo (forse banalmente perché ora rappresentante del potere), sul palco di Short Theatre 7 a Roma dove presente la sua Utopia. Ma tra di loro qual’è la differenza?

Bassi entra in scena vestito in abito da manager, occhiali scuri e bastone da cieco; cerca il pubblico di fronte a sé, cerca un contatto ad innescarlo tramite il gioco dell’illusione che è relazione di vedere e non vedere. In una busta di carta stropicciata c’è il microfono con cui iniziare il suo monologo. Dirà di banchieri padroni del mondo, li coprirà di tutti i desideri più nascosti d’annientamento, un terrorismo recondito che furoreggia negli animi della vendetta solitaria e – appunto – cieca; li cospargerà di una colata d’uovo, frantumerà le loro Lamborghini, minaccerà di abbatterli a colpi di golf, tramite un perverso gioco voodoo cercherà la sua vendetta notturna per i soprusi del primo mondo su tutti quelli che – non seguono ma – ad esso sottostanno. Una telecamera, manovrata da un tecnico ausiliario che entra ed esce di scena, riprende ogni cosa ingrandendo i modellini sullo schermo, farà per illusione il crimine più grande, vestirà di gigantismo una vendetta invece sempre minuta.

Foto di Martha Baggetta

«scherzo. Ma la voglia no. E un giorno lo farò». Così Leo Bassi – in una scena con due cactus bianchi gonfiabili che si colorano di luce – definisce il suo gesto. Ma la messa in scena – e dunque in crisi – della retorica non ha la forza per non diventare retorica essa stessa. Il recital ha un ritmo volutamente lento e guizza di alcune fiammate, ma nel complesso non punge e si articola lungo trovate drammaturgiche di non particolare efficacia e scarsa continuità. Va meglio quando Bassi cala nell’autobiografia per dichiarare la sua discendenza clownesca (dal nonno clown nella prima guerra mondiale) e si trucca in scena da “clown bianco” sulle note del Vissi d’arte declamato dalla Tosca di Puccini, ma è sempre sul crinale del patetismo didascalico e non incide come vorrebbe, risolvendo soltanto con la levità e l’esperienza uno spettacolo tutto sommato debole.

Ma la debolezza non è un pericolo. Diverso il discorso sui contenuti e la modalità della proposta. La perdita di valori e la conseguente volgarizzazione del dibattito politico a urla da bar, spinta al movimento d’origine addominale e non cerebrale, indignazione perenne e distruttiva di qualità cinque stelle, più che concedere rappresentanza ai cittadini delusi ha dato residenza ai residui autoritari della loro delusione, conformando a loro immagine una proposta non mediata da un confronto ragionato: per questo si parla di antipolitica. Questo spettacolo – che alla vista di due banchieri che si stringono la mano dichiara: «uno è Mario Monti, l’altro non lo so ma sicuramente è un pezzo di merda», che si chiude con la bandiera rossa e il pugno alzato e insieme la bandiera multicolore della pace (prima di decretare fede a un papero giallo gigante) – finisce per essere parte del processo che ha avvilito la discussione politica illanguidendo il suo segno di conflitto buono, di evoluzione culturale, dunque distrugge ma fuori tempo massimo: questa è epoca di ricostruzione, perché troppo abbiamo distrutto. Tutto vero il suo enunciato, non possiamo non essere d’accordo e aderire. Ma la sua dichiarazione scenica è tutt’altro che propositiva. Per esserlo avrebbe dovuto fare politica. Appunto.

Simone Nebbia

visto al Teatro India
Short Theatre 2012

Leggi altri articoli su Short Theatre 2012

Vai al programma del festival

Utopia
di e con Leo Bassi