Spic & Span (Foscarini: Nardin: D’Agostin) – Sguardi di quinta

“In uno spazio completamente bianco se ne stanno i tre coreografi/danzatori, immobili come manichini nell’ultima vetrina della Benetton, o – dato il taglio vintage che caratterizza il loro abbigliamento – in uno dei cataloghi dell’American Apparel. Arancione e verde, celeste e rosa, viola e giallo sono i colori delle magliette e dei Jeans che i tre abbinano a perfezione con un orologio di gomma e delle scarpe in stile Superga dai colori fluo. La scena è patina, superficie Pop (di un Pop scivolato via dalle mani di Andy Warhol in forma di Brillo Box e recuperato con nuovissima autoironia e leggerezza nella bottiglietta dello Spic & Span), la copertina di un Cosmopolitan sulla quale i corpi dei danzatori scivolano in pose impersonali e senza anima.” Così Matteo Antonaci parla dello spettacolo di Francesca Foscarini, Giorgia Nardin e Marco D’Agostin nella sua personale cronaca di una serata a Teatri di Vetro 2012. Proprio in quella serata, accanto alla platea, lontano da occhi indiscreti, era appostata Futura, ecco alcuni scatti inediti. Leggi anche la recensione di Simone Nebbia

Clicca sul collage per sfogliare la fotogallery

Fotografie di Futura Tittaferrante- ©tutti i diritti riservati

Guarda altre fotogallery