Autopsia, in attesa di risorgere. I consigli della settimana teatrale

La lezione di anatomia del dottor Tulp. Rembrandt, 1632
La lezione di anatomia del dottor Tulp. Rembrandt, 1632

Un poeta genovese del secolo scorso scriveva: «Non può finire / questa faccenda di sole settimane. / E gli altri intorno a noi / come partendo». Sembra che questo tempo non ne voglia sapere di fermarsi. Sarà la maledetta ora legale. Ed ecco che è di nuovo il mio turno di raccontare che cosa succede nel nostro teatro. Apro un nuovo documento, su cui segnerò l’elenco degli spettacoli da consigliare e mi trovo smarrito nel vuoto di piccolo deserto. Più di una volta penso che si tratti di un errore, ché non può essere che davvero così tanti teatri stiano chiusi un’intera settimana. Poi una nota lancinante mi raggiunge l’orecchio. Qualcuno, in strada, intona – si fa per dire – che «alleluia, andiamo tutti alla casa del Signore». È la Domenica delle Palme. E sembra che, in attesa della Resurrezione, siano molti i luoghi di spettacolo a osservare uno strano e un poco mistico silenzio di rispetto. Soprattutto al Sud e nella capitale. Potrebbe essere forse un retaggio di quella norma che nel Medioevo proibiva gli eventi di spettacolo durante la Quaresima: lì lì per morire di fame, gli attori in possesso di indumenti viola non potevano nemmeno usarli per riscaldarsi, ché avrebbero offeso il sacro colore talare. Silenzio. E allora ci viene di immaginare questo nostro quattordicesimo appuntamento come una sorta di autopsia preventiva, operata sul corpo in parte inerte di questa nostra Italia. Sintonizziamoci su Radio Onda Rossa 87.9 per rubare qualche battuta di On’ Off di Elena Sbardella e di Clandestino di Riccardo Rombi. Ma a volume basso. Siamo pronti? Infermiera, bisturi.

Incidiamo con grande attenzione il Nord cominciando a scoprire lo scalpo del capoluogo lombardo, dove l’attività non sembra essersi fermata. Al Teatro Martinitt troviamo Una volta nella vita, testo di Gianni Clementi messo in scena da Felice Della Corte e che, guarda caso, racconta proprio il dialogo tra quattro cadaveri all’obitorio. Al Piccolo sono gli ultimi giorni di Santa Giovanna dei Macelli, in cui Ronconi affronta per la prima volta Brecht. Il ritorno proposto dal Franco Parenti è quello di Carlotta Clerici, reduce da un ennesimo ottimo successo in Francia; La paura è invece quella de Le Belle Bandiere, in scena al Teatro i; ma vale la pena anche puntare la lente sul Danae Festival del Teatro delle Moire, che ospita la prima nazionale di MB#6 del portoghese Miguel Bonneville al LachesiLAB e Aquamama – azione coreografica fantastico-ancestrale in 3 a Piazza Cesare Beccaria. Non tutto è risolto di Franca Valeri occupa l’alloggio del Teatro delle Ville di Lodi. Rovistando nel nord la nostra pinza pesca poi un organo nuovo. È il Kitchen Teatro Indipendente, nascosto in quel di Vicenza, che da magazzino industriale è sorto a nuovissima (inaugurato il 31 marzo) vita come spazio teatrale per performance e residenze. Conviene asportare e osservare da vicino: si parte con una due giorni che vede il double bill di Post e Takeya di Chiara Frigo e Empire[o]il di Epimorph (al secolo Laura Ceroni, Elena Punzi, Alessio Sacchetto).

Takeya di Chiara Frigo

Procediamo le incisioni e mettiamo da parte il nostro Antonio Latella di Un tram che si chiama desiderio al Teatro Alfieri di Asti, The History Boys di Bruni-De Capitani al Donizetti di Bergamo e consigliamo a tutti di farsi una propria idea di Grimmless di Ricci/Forte al Comunale Teatro Studio di Bolzano. La coppia di organi bresciani sono invece La ballata delle balate di Vincenzo Pirrotta al Teatro Sociale e lo scientifico-mistico Big Bang raccontato da Lucilla Giagnoni all’Auditorium 1861 Unità d’Italia di Corte Franca. Le fibre che asportiamo da Genova sono quelle delle Generazioni Componibili di Emanuele Conte, ancora in scena alla Tosse, mentre gli occhi sono quelli di Marco Paolini nel suo ITIS Galileo, al Comunale di Monfalcone (Gorizia). Abbiamo avuto in passato occasione di esaminare da vicino L’amore segreto di Ofelia di Berkoff danzato da Balletto Civile, e basta un tocco di forbice per scoprirlo ora al Teatro Cuminetti di Trento.

Raggiunto il ventricolo torinese prendiamo un po’ di fiato con La morsa pirandelliana di Arturo Cirillo al Don Bosco di Rivoli, prima di affrontare la lunga e meticolosa operazione che asporterà il pulsante The Coast of Utopia di Tom Stoppard diretto da Marco Tullio Giordana, al suo debutto al Carignano. A poche arterie da lì, dalle parti delle Fonderie Teatrali Limone, batte anche Il segno del chimico di Valter Malosti, mentre il Malamore di Concita De Gregorio è firmato da Francesco Zecca al Teatro Astra. Il guardiano di Pinter/Lorenzo Loris lo scova l’ecografo al Teatro Giuditta Pasta di Saronno, vicino Varese; per affrontare Eresia della felicità a Venezia affresco non-scuola per Vladimir Majakovskij della Non-scuola delle Albe, al Goldoni, fa invece comodo un aggiornamento delle tecniche, da affinare al laboratorio di Ilaria Drago al Teatrino della Murata di Mestre. Il nuovo e atteso lavoro di Biancofango, al Teatro San Giorgio di Udine, merita un bisturi di precisione e la sua incisione ci fa sudare e ci strappa un Porco Mondo, giusto come il suo titolo. La scatola nordica finiamo di svuotarla asportando il Servo di scena di Branciaroli al Teatro Civico di Vercelli.

Una autopsia che si rispetti ti costringe a fare l’alba. E allora ricominciamo con una bella Colazione da Tiffany al Teatro Comunale di Thiene, in quel di Vicenza, prima di scoprire il torace del nostro cadavere. A proposito di cadaveri, troviamo il secondo shoot del progetto su Joyce The Dead, che Città di Ebla scatta con Laura Arlotti al Teatro Diego Fabbri di Forlì. All’Asioli di Correggio troviamo resti dei Karamazov di César Brie, mentre occorre divaricare l’area bolognese per andare a scovare l’anteprima di Aldo Morto di Daniele Timpano all’Atelier Sì di Teatrino Clandestino. Al Municipale di Piacenza constatiamo Tutto su mia madre di Leo Muscato, e al Comunale di Modena una prima assoluta del balletto Paradiso I coreografato da Matteo Levaggi. Nella fascia muscolare di Santarcangelo compiamo un Viaggio al centro della terra, prima di addentrarci nell’analisi del fianco abruzzese e marchigiano: al Cyrano de Bergerac di Alessandro Preziosi, al Teatro Circus Visioni di Pescara, vorremmo aggiungere, invece che togliere qualcosa; quel naso che il primo attore ha rifiutato di indossare per ragioni estetiche.

In una botta di etica apprendiamo qualcosa di più su La salute degli infermi di Teatro Rebis al Teatro di Villa Potenza, nella provincia di Macerata, dove troviamo anche Al tempo: 12 euro. Formato famiglia, firmato da Maurizio Iachini al Cinema Teatro Italia. Sul fianco opposto, secondo Natalia Ginzburg e il regista Valerio Binasco È stato così, questa volta al Teatro Puccini di Firenze, delle cause del Jam Theatre al Teatro Romito poco si sa, ché è tutto improvvisato, almeno quanto invece scritto e progettato da Pirandello era il Sei personaggi in cerca d’autore, ora al Goldoni di Livorno per la regia di Giulio Bosetti. Aprendo il Teatro del Popolo di Colle Val d’Elsa (Siena) ritroviamo Il Catalogo di Carrière/Binasco, prima di passare all’esame dell’arto destro. La Sardegna ci regala Cassandra da Christa Wolf diretta da Luciano Cannito, mentre a Cagliari si incontrano Ponzio Pilato e Giuda al Caffè Sinai, aperto da Alessandro Cevenini e Daniel Dwerryhouse alla Casa delle Storie. E poi tocca al ventre di Roma.

un disegno di Serge Ouaknine

Il primo risultato è L’abbandono della provvidenza, per il ciclo i Teatri del Sacro alla Basilica di Santo Stefano Rotondo al Celio; Chiara Tomarelli e Linda Dalisi sono Stelle danzanti all’Ambra alla Garbatella, quartiere che ospita anche La caduta di Tamara Bartolini al Teatro Palladium. Le fate della notte le ficchiamo in un barattolo da conservare a L’Archivio 14, mentre il contenitore adatto per Sans Papiers di Fréderic Lachkar è l’Ambra Jovinelli. Da osservare con curiosità anche l’irriverente Dangerous D’Angelo – Nemico Pubico dell’autrice erotica Claudia D’Angelo al Teatro Trastevere, mentre in un contenitore protetto riponiamo l’organo ancora pulsante di Ecce Performer 2012, curato da Kataklisma e ora alla prova al Teatro Argot. Tra L’ora del caffè con Daria Mariotti e Linda Sessa allo Studio Uno e la Riunione di Condominio con il doppio biglietto A sud di Bergman e Un giorno per due di Maria Rita Parroncini e Marco Pazzaglia c’è tempo per rivedere Paolina In quel posto a Ladispoli e passare alla Casa dei Teatri per la mostra Il geroglifico di un soffio, organizzata da Guido Di Palma e Luisa Tinti intorno ai disegni e alle note di Serge Ouaknine per Jerzy Grotowski.

Gli arti inferiori del nostro paziente-Italia saranno quelli con i quali riusciremmo a fuggire da questa sala fredda e un po’ lugubre nel sotterraneo dell’ospedale. Facciamo rivoltare nella tomba il sommo Poeta asportando con cautela e un po’ di costernata sorpresa l’audace e folle Dante Remix di Raffaello Fusaro, che mescola i canti con musica elettronica e dj-set al Teatro Fulvio di Guglionesi (Campobasso), ascoltiamo con rispetto e speranza Il vangelo secondo Giuda, diretto al Duse di Bari da Lino Venuto a partire dal romanzo di Teodosio Saluzzi e chissà che, con il brutale sezionamento di questo cadavere non ci siamo giocati il nostro posto all’Hotel Paradiso (Familie Flöz al Teatro Vittorio Emanuele di Noto). Lo scopriremo forse domenica prossima, quando potremo chiederlo direttamente a chi lassù c’è stato. Almeno così dicono.

Sergio Lo Gatto

Leggi gli altri Consigli

Abbiamo consigliato o parlato di:

Una volta nella vita
fino al 15 aprile 2012
Teatro Martinitt
Milano

Santa Giovanna dei Macelli
1-5 aprile 2012
Piccolo Teatro [cartellone] Milano

Il ritorno
1-5 aprile 2012
Teatro Franco Parenti [cartellone] Milano

La paura
3-5 aprile
Teatro i [cartellone] Milano

MB#6
5 aprile 2012
LachesiLAB
+
Aquamama – azione coreografica fantastico-ancestrale in 3 parti e 9 quadri
6 aprile 2012
P.za Cesare Beccaria
Milano

Non tutto è risolto [recensione] 5 aprile 2012
Teatro alle Ville
Lodi

Post + Takeya
6 aprile 2012
+
Empire[o]il
7 aprile 2012
Kitchen Teatro Indipendente
Vicenza

Un tram che si chiama desiderio [recensione] 2 aprile 2012
Teatro Alfieri
Asti

The History Boys
2 aprile 2012
Teatro Donizetti
Bergamo

Grimmless [recensione] 4 aprile 2012
Comunale Teatro Studio
Bolzano

La ballata delle balate
3-4 aprile 2012
Teatro Sociale
Brescia

Big Bang
3 aprile 2012
Auditorium 1861 Unità d’Italia
Corte Franca (BS)

Generazioni Componibili
fino al 7 aprile 2012
Teatro della Tosse [cartellone] Genova

ITIS Galileo [recensione] 4-5 aprile 2012
Teatro Comunale
Monfalcone (GO)

L’amore segreto di Ofelia [recensione] 4 aprile 2012
Teatro Cuminetti
Trento

La resistibile ascesa di Arturo Ui [recensione] 3-4 aprile 2012
Teatro Verdi
Pordenone

La morsa
2 aprile 2012
Teatro Don Bosco
Rivoli (TO)

The Coast of Utopia
1-5 aprile 2012
Teatro Carignano [cartellone] Torino

Il segno del chimico
3-4 aprile 2012
Fonderie Teatrali Limone [cartellone] Moncalieri (TO)

Malamore
3-5 aprile 2012
Teatro Astra
Torino

Il guardiano
3-4 aprile 2012
Teatro Giuditta Pasta
Saronno (VA)

Eresia della felicità a Venezia affresco non-scuola per Vladimir Majakovskij
4 aprile 2012
Teatro Goldoni [cartellone] Venezia

Laboratorio con Ilaria Drago
3-28 aprile 2012
Teatrino della Murata
Mestre (VE)

Porco Mondo
3 aprile 2012
Teatro San Giorgio
Udine

Servo di scena
3 aprile 2012
Teatro Civico
Vercelli

Colazione da Tiffany [recensione] 3-5 aprile 2012
Teatro Comunale
Thiene (VI)

The dead – secondo shoot [articolo] 4 aprile 2012
Teatro Diego Fabbri
Forlì

Karamazov
3 aprile 2012
Teatro Asioli
Correggio (RE)

Aldo Morto [Anteprima] [recensione] 4 aprile 2012
Sì – Atelier Teatrino Clandestino
Bologna

Tutto su mia madre
3 aprile 2012
Teatro Municipale
Piacenza

Paradiso I
4 aprile 2012
Teatro Comunale
Modena

Viaggio al centro della terra
2-3 aprile 2012
Lavatoio
Santarcangelo di Romagna (RN)

Cyrano de Bergerac
3-4 aprile 2012
Teatro Circus Visioni
Pescara

La salute degli infermi
4 aprile 2012
Teatro di Villa Potenza
Villa Potenza (MC)

Al tempo: 12 euro. Formato famiglia
3 aprile 2012
Cinema Teatro Italia
Macerata

È stato così
4-5 aprile 2012
Teatro Puccini
Firenze

Jam Theatre
8 aprile 2012
Teatro Romito
Firenze

Sei personaggi in cerca d’autore
4-5 aprile 2012
Teatro Goldoni
Livorno

Il catalogo [recensione] 3-4 aprile 2012
Teatro del Popolo
Colle Val d’Elsa (SI)

Cassandra
2 aprile 2012
Teatro Centrale
Carbonia

Caffè Sinai
4-6 aprile 2012
Casa delle Storie (teatro per luoghi migliori rassegna)
Cagliari

L’abbandono della divina provvidenza
4 aprile 2012
Basilica Santo Stefano Rotondo
Roma

Stelle danzanti
3-5 aprile 2012
Teatro Ambra alla Garbatella [cartellone] Roma

La caduta [articolo] 5 aprile 2012
Teatro Palladium [cartellone] Roma

Le fate della notte
3 aprile 2012
L’Archivio 14
Roma

Sans Papiers
3 aprile 2012
Teatro Ambra Jovinelli [cartellone] Roma

Dangerous D’Angelo – Nemico Pubico (Claudia D’Angelo)
2-4 aprile 2012
Teatro Trastevere
Roma

Ecce Perfomer (lavoro finale)
2 aprile 2012
Teatro Argot [cartellone] Roma

L’ora del caffè (Daria Mariotti e Linda Sessa)
3-7 aprile 2012
Teatro Studio Uno
Roma

A sud di Bergman + Un giorno per due
2 aprile 2012
La Riunione di Condominio [cartellone] Roma

Paolina [recensione] 6 aprile 2012
In quel posto
Ladispoli (RM)

Il geroglifico di un soffio
fino al 3 maggio 2012
Casa dei teatri
Roma

Dante Remix
4 aprile 2012
Teatro Fulvio
Guglionesi (CB)

Il vangelo secondo Giuda
3-13 aprile 2012
Teatro Duse
Bari

Hotel Paradiso
3 aprile 2012
Teatro Vittorio Emanuele
Noto (SR)

On’ Off
+
Clandestino
3 aprile 2012
Radio Onda Rossa
87.9 FM