Teatro NEWS – Santarcangelo offre un anno solare intorno al festival

Veduta di Santarcangelo di Romagna

COMUNICATO STAMPA

UN ANNO SOLARE INTORNO AL FESTIVAL

Santarcangelo dei Teatri presenta l’articolato programma di attività che, per la prima volta, arricchiscono il calendario teatrale nell’arco dell’anno intero.

Con Anno Solare, “Santarcangelo ’12 ’13 ’14. Festival Internazionale del Teatro in Piazza” – che vede alla direzione artistica Silvia Bottiroli, con la codirezione di Rodolfo Sacchettini e Cristina Ventrucci – afferma un nuovo calendario che scarta da quello consueto eleggendo come suo capodanno il festival. L’incontro con il teatro viene scandito nell’intero arco annuale e diffuso oltre i confini della città di Santarcangelo. Residenze artistiche, laboratori, incontri e gite teatrali costituiscono l’ossatura della sua prima edizione, da febbraio a giugno 2012: si dà il via in questo modo a un’attività teatrale che precederà e seguirà i festival del triennio in corso, offrendo la possibilità di avvicinarsi al teatro in modi diversi.

Il festival resta al centro, in quanto momento privilegiato di intensificazione delle dinamiche di produzione e condivisione, ma si nutre di un meccanismo di ricerca permanente che ribadisce l’importanza dei processi creativi. “Anno Solare contribuirà a far crescere una nuova cultura teatrale nella città e nel territorio – afferma Silvia Bottiroli – e a mettere in discussione la natura stessa del festival che sempre di più si porrà come esplorazione di forme, modi e contenuti, prendendo le distanze dal recinto rassicurante del consumo di spettacolo e facendosi strumento di una domanda più ampia”. Primo atto della nuova direzione artistica del festival, Anno Solare rappresenta una nuova energia teatrale nella lunga storia della manifestazione e dell’Associazione Santarcangelo dei Teatri.

Il programma di Anno Solare è composto da quattro percorsi che s’intrecciano in un unico calendario tra febbraio e giugno: “È primavera! - Apertura pubblica di residenze di ricerca e creazione”, “Compagnia di giro - Stagione teatrale itinerante”, “Memorie dal sottosuolo - Il teatro raccontato da spettatori speciali” e i “Laboratori”. Vi si aggiunge il “Blog” critico, finestra teorica che accompagnerà l’ideazione del festival.
È primavera! – Apertura pubblica di residenze di ricerca e creazione è un programma di prove aperte al Lavatoio a cura di artisti e gruppi teatrali disposti ad accogliere lo sguardo degli spettatori sul proprio procedere: non si tratterà di spettacoli conclusi e finiti, ma di lavori in corso, aperti al pubblico per far conoscere il fascino della creazione di un’opera e sollevare nuove domande per lo sguardo. Si comincia l’8 febbraio con il gruppo forlivese Città di Ebla, che ispira al racconto I morti di James Joyce la propria ricerca scenica condotta attraverso fotografia e installazione: The Dead, alle 20.30. Segue l’artista norvegese Ane Lan che propone due fasi di lavoro: una ricerca performativa intitolata Persona  e ispirata al film omonimo di Ingmar Bergman – l’8 marzo alle 20.30 – e un laboratorio in vista di un lavoro futuro dal titolo In absentia: l’artista cerca figuranti per Persona e artisti aperti al confronto per il laboratorio, che è a partecipazione gratuita (informazioni e iscrizioni: workshop_anelan@dadaprod.net). Il 25 e 26 marzo sarà la volta di una giovane formazione milanese, Strasse, il cui sguardo cinematografico si inoltra nel paesaggio delle periferie raccogliendo indicazioni per possibili frammenti drammaturgici: con Drive in lo spettatore sarà condotto in solitaria in un viaggio in auto, durante il quale trovare, come in un film in movimento, la propria lettura (luogo e orario da definire). Di taglio diverso il percorso d’attrice di Anna Amadori, che in Wonder woman si è trasferita costruisce un ritratto femminile tragicomico, a partire dai racconti del Premio Nobel Herta Müller: 2 maggio, 20.30. Scorre lungo l’intero periodo il percorso di ricerca del regista bolognese Pietro Babina: Eco Electronic Cooperation Online è un’indagine sulla scrittura drammaturgica che si sviluppa attraverso le potenzialità del web. Lo si può seguire in streaming e podcast su http://www.pietrobabina.net/pietrobabina/eco.html.

S’incastona come una perla in questo programma il laboratorio della non-scuola del Teatro delle Albe. L’esperienza riconduce al coro Eresia della felicità che la compagnia ravennate ha realizzato nel corso nel festival 2011, frutto della pratica di pedagogia teatrale antiaccademica ideata e condotta da Marco Martinelli. A partire da una richiesta dei ragazzi stessi che vi hanno partecipato, e della Scuola Media “Teresa Franchini”, il festival è lieto di proseguire l’esperienza proponendo per il secondo anno a Santarcangelo un laboratorio dedicato ai ragazzi e agli adolescenti della città. A guidarlo saranno Alessandro Argnani e Anna Lisa Magnani, per un cortocircuito di immaginazione scaturito dal romanzo di Jules Verne Viaggio al centro della terra: appuntamento il 2 e 3 aprile, al Lavatoio. Tutte le aperture di È primavera! sono a ingresso gratuito.

Compagnia di giro – Stagione teatrale itinerante è il titolo della comitiva di spettatori che si creerà intorno all’iniziativa anomala di una stagione teatrale composta da spettacoli in programma altrove. Questa volta infatti non sono gli attori a muoversi da una “piazza” all’altra: la compagnia di giro è composta da spettatori curiosi che, grazie all’organizzazione di un pullman in partenza da Santarcangelo (parcheggio Francolini), possono assistere ad alcuni tra gli spettacoli più interessanti programmati nei teatri dell’Emilia-Romagna. Per un teatro ecologico e un’esperienza da condividere.

Il 28 febbraio alle 20 (inizio spettacolo ore 21) si andrà al Teatro Novelli di Rimini a vedere Karamazov dell’argentino César Brie (biglietti in vendita fino al 23 febbraio). Il 4 marzo alle 14 (inizio spettacolo ore 15.30) ci si recherà al Teatro Alighieri di Ravenna per Solo Goldberg del coreografo e danzatore Virgilio Sieni (biglietti in vendita fino al 28 febbraio). Il 28 marzo alle 19 (inizio spettacolo alle 20.30) si tornerà al Teatro Alighieri di Ravenna per L’ingegner Gadda va alla guerra di Fabrizio Gifuni (biglietti in vendita fino al 23 marzo). Il 13 aprile alle 18.30 (inizio spettacolo ore 21) si partirà per il Teatro delle Passioni di Modena alla volta di The End del gruppo veronese Babilonia Teatri (biglietti in vendita fino al 6 aprile). Infine il 17 maggio, partenza alle 20 per Cesena, dove alle 21 andrà in scena il nuovo lavoro del Teatro Valdoca O tu reale scontrosa felicità alla Chiesa del Santo Spirito (biglietti in vendita fino al 2 maggio). Sul pullman, insieme agli spettatori, gli stessi componenti della direzione artistica e organizzativa del festival, a proporre e condividere spunti di riflessione e di approfondimento sugli spettacoli in programma. Ingresso agli spettacoli 15 euro (comprensivo del viaggio); abbonamento 60 euro (comprensivo dei 5 spettacoli e dei viaggi).

Memorie dal sottosuolo – Il teatro raccontato da spettatori speciali è il terzo segmento di Anno Solare e nasce da una domanda essenziale che la direzione artistica del festival ha rivolto ad alcuni teorici del teatro: quale spettacolo ti ha cambiato la vita da spettatore? L’invito è stato quello di individuare liberamente un momento fondamentale nella loro esperienza di spettatori per rievocarlo attraverso il ricordo, la testimonianza e i documenti, creando un’occasione in cui la biografia anche personale si intreccia con un’opera. È possibile così mostrare, anche rispetto al presente, che tipo di lezione certi spettacoli siano ancora in grado di darci, proponendo la memoria come valore attivo. Si tratterà di incontri serali di un’ora e mezza circa – tutti di lunedì alle 20.30 al Lavatoio – che non avranno il taglio di una lezione, ma di una testimonianza. Partecipano a questo primo ciclo: il più importante studioso italiano di teatro russo Fausto Malcovati, il 23 aprile; Laura Mariani, docente all’Università di Bologna e storica delle attrici, il 7 maggio; Antonio Attisani, ex direttore del festival, cui si devono edizioni storiche, ora docente all’Università di Torino, il 4 giugno; e la dramaturg, docente alla Scuola Civica “Paolo Grassi” di Milano, Renata Molinari, il 18 giugno. Il progetto proseguirà poi all’interno del festival in luglio.

Laboratori. Oltre a quello di Ane Lan e alla non-scuola, vi è un altro laboratorio in programma, condotto dal gruppo Quotidiana.com (Paola Vannoni e Roberto Scappin). Santa pazienza. Aspettare sentire dire: incontri di scrittura verbale – rivolto a chi ha già intrapreso un percorso nella scena contemporanea – segna la collaborazione di Santarcangelo ’12’13’14 con L’arboreto-Teatro Dimora di Mondaino, dove il laboratorio avrà luogo all’interno di una residenza creativa (dal 19 al 22 aprile e dal 17 al 20 maggio). Si partirà dalla pratica scenica in uno spazio vuoto, dove la parola nasce dal silenzio esausto. Solo in un secondo momento interverrà la scrittura (è prevista una prova aperta al pubblico; informazioni e iscrizioni: Associazione culturale L’arboreto tel. 0541 25777 teatrodimora@arboreto.org).

Blog. Il triennio Santarcangelo ’12 ’13 ’14 si doterà inoltre, a partire da marzo 2012, di un blog critico linkato al sito www.santarcangelofestival.com. Uno strumento agile per accompagnare e condividere le ricerche compiute durante la costruzione del festival; per tradurre saggi o articoli stranieri di particolare interesse; per mettere in circolo materiali utilizzati dalle compagnie nel proprio processo di lavoro; per riattivare il prezioso archivio di Santarcangelo dei Teatri.

Infine, grande Festa dell’Anno Solare il 21 marzo (con programma in via di definizione), per celebrare questo tempo nuovo, questa fertilità teatrale, questo primo equinozio che annuncia e introduce il festival.

Anno Solare è realizzato dall’Associazione Santarcangelo dei Teatri in collaborazione con Comune di Santarcangelo-Assessorato alla Cultura, Provincia di Rimini e Comune di Rimini. Hanno inoltre collaborato: FocuS-Fondazione Culture Santarcangelo; Emilia Romagna Teatro Fondazione; Istituzione Musica Teatro Eventi Comune di Rimini; L’arboreto-Teatro Dimora di Mondaino; Ravenna Manifestazioni; Ravenna Teatro-Teatro delle Albe; Teatro Bonci di Cesena e Teatro Valdoca. Un ringraziamento particolare alla Biblioteca “Antonio Baldini” e al Teatro Supercinema di Santarcangelo. Si ringrazia per il sostegno Osteria “Da Oreste”.

Biglietti e abbonamenti di Compagnia di giro sono in vendita a Santarcangelo presso:

• Santarcangelo dei Teatri, via Andrea Costa 28, Santarcangelo di Romagna, tel. 0541 626185, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17;

• Biblioteca “Antonio Baldini”, via Felice Cavallotti 3, Santarcangelo di Romagna, tel. 0541 356299, dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 19, il giovedì anche dalle 21 alle 23, il sabato dalle 8.30 alle 19;

• Teatro Supercinema, piazza Guglielmo Marconi 1, Santarcangelo di Romagna, tel. 0541 622454, il martedì, il mercoledì e il venerdì dalle 20.30 alle 23. Abbonamenti in vendita fino al 23 febbraio.

Il Lavatoio si trova a Santarcangelo in via Costantino Ruggeri 34. L’arboreto-Teatro Dimora a Mondaino in via Arboreto 6. Il pullman di Compagnia di giro parte da Santarcangelo, parcheggio Francolini, via Federico Montevecchi.

SANTARCANGELO DEI TEATRI / via Andrea Costa 28, Santarcangelo di Romagna 47822 (Rn) Italia www.santarcangelofestival.cominfo@santarcangelofestival.comhttp://facebook.com/santarcangelo.deiteatri tel. 0541 626185 dal lunedì al venerdì 10-13 e 15-17