Intervista impossibile: Nico Garrone e Pier Paolo Pasolini – Superstar

A quasi 37 anni dalla sua scomparsa, con sorprendente vitalità parla alle epoche a sé future, Pier Paolo Pasolini. Lo fa in una conversazione in esclusiva per Teatro e Critica con il giornalista e critico Nico Garrone, che invece è scomparso solo nel 2009. Viene da dire: ma quando sanno parlare con così lucida visione della storia italiana, quando nelle proprie opere è già immanente la propria vita, sono davvero così morti i morti? No, non c’è morte che chiuda la bocca a vietare i grandi pensieri, ma per fare in modo di ascoltarli c’è sì bisogno di una operazione Colossal, davvero Colossal Kitsch…  S.N.

Dottor   Pasolini,   dopo   trentacinque   anni   dalla   sua   morte   violenta,   una   morte   che   è  divenuta   ormai,   a   tutti   gli   effetti, uno   dei   misteri   d’Italia,   che   senso   ha   portare   oggi   a  teatro  il  suo  ultimo  capolavoro  incompiuto,  Petrolio?  

Nel  1964  stavo  lavorando  ad  una  opera  poetica  che  ho  poi  chiamato  Poesia  in  forma  di  rosa,  venivo  dai  successi  cinematografici  e  dalla ormai  cocente  delusione  del  “sogno  di  una  cosa”.  Il  successo   borghese   del   mio   cinema   coincide   con   l’impotenza   rivoluzionaria   dello   stesso.   I  contadini,   gli   accattoni,   i   ragazzi   di   vita,   che   hanno   per   mamma   Roma   e   che   conducono   una  vita   violenta,   non rappresentavano   più   quella   forza   rivoluzionaria   in   grado   di   contrastare  l’imponente  genocidio  di  massa  che  ha  ormai  portato  alla  deriva  questo  paese.

Ecco,   maturava   in   me   una   risposta   diversa,   un   progetto,   oggi   possiamo   chiamarla   una  profezia,   di   morte,   di   morte   esemplare.   Quell’opera   poetica   si   concludeva   con   un  componimento   chiamato  Una   disperata   vitalità nel   quale   io   dicevo   che   i   nostri   figli   fascisti,  ossia   i   figli   della   borghesizzazione   del   mondo,   avrebbero   veleggiato   verso   una   nuova  preistoria, una   terra   sconosciuta   e   sconfinata,   al   di   là   degli   oceani   della   storia,   dove   il   potere  ha  distrutto  l’uomo,  e  procede  senza  di  lui,  trionfando  in  tutta  la  sua  barbara  anarchia.

Ecco   che   è   nato   in   me   il   bisogno   del   mio   sacrificio,   della   mia   morte,   io   che   da   sempre   avevo  lottato   contro   la   storia,   non   volevo   partecipare,   per   semplice   sciagura   anagrafica,   alla   fine  dell’uomo,  a  questa  nuova  preistoria  in  cui  tutti  voi  ora  vivete.

Domani ci sarà   la   prima   di   Petrolio.   Storia   di   una   Superstar.   Un   grande   successo   ma  anche,   come   sempre,   un   grande   vespaio   di   polemiche.   Raccontare   gli   ultimi   40   anni,  peraltro   molto   complessi,   della   storia   d’Italia,   dal   caso   Mattei   alla   discesa   in   campo   di  Berlusconi,   in   poco   più   di   un’ora   di   spettacolo,   non   è   forse   semplificare   la   nostra   storia  del  potere?  

Quando   sono   morto,   il   caso   Mattei   era   ancora   un   incidente   per   la   giustizia   italiana,   solo   nel ’96,  grazie  all’impegno  del  pubblico  ministero  Vincenzo  Calia,  si  è  potuto  accertare,  sopra  ogni  ragionevole   dubbio,   che   l’ingegnere   Mattei   era   caduto   vittima   di   un   attentato.   Pochi  giornalisti,   e   solo   qualche   attento   lettore   delle   mie   opere,   aveva   ricavato   dal   mio   ultimo  romanzo   la   suggestione   che   Mattei   fosse   stato   ucciso   su   mandato   delle   Sette   Sorelle   e attraverso  la  collaborazione  di  Eugenio  Cefis  e  questo  è  quello  che  è  regolarmente  accaduto  in  Italia,   dalla   strategia   della   tensione   a   Piazza   Fontana,   è   tutto   presente   nel   mio   libro.   Questi  sono  sempre  stati  definiti  “complotti”,  come  la  mia  morte  d’altronde,  ma  la  parola  “complotto”  è  stata  sempre  usata  per  consolare  i  cittadini  circa  la  vera  natura  del  potere.  Il  potere  appunto,  il  potere  si  realizza  mediante  complotti  solo  che  lascia  credere,  nell’illusione  piccolo  borghese,  che  possa  esercitarsi  nella  chiarezza  degli  intenti,  e  nella  pace  sociale.

Le   rispondo   quindi   che   i   quattro   grandi   monologhi   che   compongono   Petrolio.   Storia   di   una  Superstar,  quello  di  Cefis,  di  Andreotti,  di  Licio  Gelli,  e  di  Totò  Rina  sono,  in  verità,  volendomi  sottoporre   ad   autocritica,   un   allungare   il   brodo,   mi   permetta   questa   allegoria   popolare:   la  storia   del   potere   italiano   poteva   essere   tranquillamente   racchiusa   all’interno   di   un   solo  monologo  sul  potere.

E  qual  è  questa  storia?  

È  la  storia  del  pensiero  occidentale,  superbo  frutto  della  civiltà  della  morte.

Ha   citato   tutti   tranne   il   protagonista   dell’ultimo   monologo,   il   presidente   del   consiglio  Silvio  Berlusconi.  Perchè?  

Il   protagonista   del   mio   testo   teatrale,   l’ingegner   Carlo   Alberto   Valletti,   incontra   i  rappresentanti  del  potere,  di  cui  ho  parlato  prima,  e  accetta  deliberatamente  di  compiere,  per  loro   conto,   atti   di   sconvolgente   ferocia.   Sono   questi   i   riti   di   passaggio   che   porteranno   Carlo   a  vestire  i  panni  di  Silvio  Berlusconi.

Quindi,  Silvio  Berlusconi  non  appartiene  alla  civiltà  della  morte?  

Esattamente.   Silvio   Berlusconi   non   è   mai   esistito   nella   storia   d’Italia,   lui   non   c’è,   non   è   un  uomo  ma  semplicemente  il  potere  che  si  è  tolto  la  sua  ultima  maschera  umana  per  esercitarsi  come   violenza   brutale.   Non   parlerei   più   di   “civiltà   di   morte”,   nel   suo   caso   parlerei   di   un  impero,  impolitico,  transnazionale,  dove  l’uomo  è  soltanto  un  feticcio  svuotato  di  vita.  Questo  è  l’immenso  lager  che  è  oggi  il  mondo.  Questa  è  la  nuova  preistoria.

Pasolini   poeta,   autore,   saggista,   sceneggiatore   e   anche   regista   di   fama   internazionale.  Perché  ha  deciso  di  affidare  la  regia  del  suo  testo  teatrale  a  due  giovani  promesse?  

Diciamo  che  da  morto  mi  restava  difficile  dirigere  gli  attori  (ride),  e  poi  io,  anche  volendo,  non  avrei   potuto   dato   che   il   protagonista   dello  spettacolo   sono   io,   è   la   mia   vita,   la   storia   di   una  superstar.   Quindi   non   avrei   avuto   il   distacco   necessario   per   coordinare   tra   loro   i   diversi  elementi  della  mia  vita.  Giustamente,  infatti,  quando  si  parla  di  Petrolio,  il  romanzo  intendo,  si  dice   che   è   un   magma   incandescente.   È   vero,   anche   la   mia   vita   lo   è   stato.   Serviva   qualcuno  dotato   di   un   proprio   mondo   poetico,   linguistico   e   stilistico   in   grado   di   addentrarsi   nel  labirinto  delle  mie  contraddizioni  e  trovarne  una  via  di  fuga.

Superstar!  In  che  senso  lei,  dott.  Pasolini,  è  una  Superstar?  

Mito e realtà.   Ho   sempre   avuto   una   visione   ieratica   delle   cose:   tutta   la   realtà   mi   è   sempre  apparsa come   un evento   mitico.  Mito   come   Mythos,   racconto   intendo,   la   realtà   è   il   racconto  che   noi facciamo di essa,   non può esistere senza quest’ultimo.   Ora   io, nella prima   parte   del  mio  cammino  da  artista,  ho  frainteso  il  senso  di  questo  racconto.  Voglio  dire,  sentivo  su  di  me  il   peso   della   storia   e   della   tradizione   non   avvertendola   ancora   come   l’ultima   delle   più  mostruose  illusioni  borghesi.  Credevo  nella  rivoluzione  marxista.  Solo che  “racconto”  fa,  di  per  se  stesso,  riferimento  a  qualcosa  che  è  storico,  è  storia  ovvero  la  vittoria  criminosa  del  potere  borghese.

Ad  un  certo  punto  della  mia  vita  mi  sono  reso  conto  che  non  potevo  continuare  ad  avere  uno  sguardo   consolatorio   sul   mondo,   non   riuscivo   più   a   credere   nella   rivoluzione,   la   parola  speranza   divenne,   allora,   sinonimo   di   consolazione.   Dovevo   compiere   un   ritorno verso   casa,  dovevo  tornare  dal  mito  alla  realtà,  dal  racconto  alla  vita.  La  mia  vita  è  la  testimonianza  di  tale  ritorno.   L’unica   rivoluzione possibile   è   individuale!   Ahimè   ho   ucciso   Karl   Marx,   qualcuno  doveva   pur   farlo.   Mi   sono   fatto,   io   stesso,   idolo   della   mia   rivoluzione, mito  della   mia   realtà.  Sono  diventato  una  star.

Ma  possiamo  dire,  tra  gli  intellettuali  e  nel  mondo  dello  spettacolo,  una  Superstar.  

Molto   bene.   Allora,   Leonardo   Ferrari   Carissimi,   insieme   a   Fabio   Morgan,   regista   dello  spettacolo,   grava   su   di   voi   un’enorme   responsabilità:   essere   i   soli   testamentari  dell’eredità  di  Pasolini.  Come  ci  si  sente?

Le   opere   di   Pier   Paolo   non   c’avevano   mai   convinto   fino   in   fondo.   Nostro   malgrado   eravamo  legati   a   quell’infinita   esegesi   letteraria   e   politica,   che   è   ormai   diventata   una   pubblicità   nelle  università   italiane,   che   faceva   dell’intellettuale   Pasolini   un   monumento   della   cultura,   un  grande  classico  mondadori  da  mettere  in  fila  sulla  libreria.  Leggendo  attentamente  e  più  volte  Petrolio   e   credendo   all’interpretazione   di   Giuseppe   Zigaina,   autore   esiliato   dall’esegesi  accademica   per   aver   sostenuto,   con   convinzione,   che   per   Pasolini   l’unica   risposta   possibile  alla   vita   fosse   la   morte   come   futura   rinascita,   siamo   entrati   in   rapporto   al   suo   linguaggio  gergale,  abbiamo compreso  l’enorme  scherzo  che  ha  giocato  al  mondo  della  cultura.  E  questo  è  bastato  per  stabilire  un  contatto  con  lui.

Ma  non  hai  risposto  alla  domanda:  come  ci  si  sente?  

Semplicemente  onorati.

Tornando  a  prima:  hai  parlato  di  uno  scherzo  che  Pasolini  avrebbe  giocato  nei  confronti di  tutta  la  cultura  italiana.  Di  che  cosa  si  tratta?

Non  so  se  qui  possiamo  svelare  il  finale  dello  spettacolo…tu  che  dici  Fabio?

N.d.r.  Fabio  Morgan  non  risponde.
Ok.   In   poche   parole   l’ha   detto   Pier   Paolo:   ha   fatto   credere   al   mondo   di   essere   un   poeta   civile,  un   regista,   un   saggista,   un   giornalista,   un   autore,   mentre,   clandestinamente,   lavorava   al   suo  progetto  e  mistero.

Qual  è  questo  mistero?  

La  morte  mitica  come  futura  rinascita.

D’accordo.  Stai  quindi  affermando  che  Pasolini  è  un  mito  perché  è  morto  ammazzato?

Esatto.  Come  James  Dean  ma  con  il  peso  di  un  pensiero  che  cerca  la  sua  redenzione  nella  fine.  Se   la   nascita   del   pensiero   nel   mondo   è   nascita   del   potere,   Pasolini   per   opporsi   al   potere  doveva  distruggere  il  pensiero  e  testimoniare  quest’annientamento  con  la  propria  morte.

Ora  capisco  la  scelta  di  The  End  dei  Doors  alla  fine  dello  spettacolo.  James  Dean,  i  Doors,  Silvio Berlusconi   che   fa   gli   accordi   con   Toto Rina   che   sembra   Don   Vito   Corleone,   non   vi  sembra  di  banalizzare  un  po’  il  tutto?

Questa  domanda  dovrebbe  farla  a  Pier  Paolo.

N.d.r.  Pasolini  ride.

Il   problema   di   voi   giornalisti   è   che   siete   troppo   legati   ai   fatti,   alla   storia   appunto,   al   kronos.  L’arte   non   deve   raccontare   dei   fatti   ma   ha   l’obbligo   di   smascherare   la   storia,   di   collegare   tra  loro   eventi   anche   lontani   e   disordinati.   La   differenza   tra   fatto   ed   evento   è   proprio   ciò   che  distingue   il   giornalismo   storicista   dall’l’arte:   ciò   che   noi   tiriamo   in   ballo   è   qualcosa   che  avviene,   si   esplica,   si   espone   nella   sua   paradossalità.   Inoltre   noi   facciamo   riferimento   a   tutte  quelle  possibilità  escluse  dalla  storia.  Il  teatro  serve  proprio  a questo:  a  smascherare  ciò  che  il  mondo  vuole  che  si  dica  di  se  stesso.  Tutto  il  resto  è  arte  di  regime,  storicistica,  un’arte  che  si  inginocchia alla  parola  del  potere.

Per  esempio?  

Da   Shakespeare   a   Sarah   Kane,   da   Euripide   ai   Raffaello   Sanzio,   ciò   che   parla   è   la   polis,   la coscienza  dello  spettatore.  Non  c’è  vita,  non  c’è  lo  scherzo  da  giocare  a  dio,  cioè  al  potere.

Ecco   noi   parliamo   del   kairos,   del   tempo   necessario   e   non   borghese,   di   ciò   che   il   mondo   non vuole  si  dica  di  sé.

Il   teatro   deve   essere   una   macchina   pantomimica   che   svela   come   alla   base   di   ogni   società  organizzata   vi   sia   un   artificio   e   dove   l’uomo,   liberato   dalla   storia,   diviene   creatore   infinito   di  finzioni.   Prendere   i   diversi   momenti   della   storia   umana,   i   suoi   protagonisti,   i   suoi   libri,   la   sua  cultura  e  farne  dei  feticci  svuotati  del  loro  senso  contestuale  è  il  punto  di  partenza  ed  il  punto  d’arrivo  del  nostro  cammino  estetico.  Questa  è  la  colossale  epopea  parodistica  della  storia  del  mondo,  questo  è  il  colossal  kitsch  teatro.

Per  cui  quando  lei  mi  chiede  se  banalizziamo  la  storia  io  le  rispondo  che  voi  banalizzate  la  vita.

Non  posso  esimermi  dal  farle  questa  domanda:  dott.  Pasolini,  il  2  novembre  del  1975  chi fu  ad  ucciderla?  

N.d.r.  Pasolini  ride  e  non  risponde.

Leonardo Ferrari Carissimi e Fabio Morgan

Leggi la recensione di Superstar: Colossal Kitsch è Pasolini Superstar: il teatro per eccesso di Fabio Morgan

Leggi tutti gli articoli sulla rassegna Drammaturgie Corsare

Comments
  • Gianluca 25 gennaio 2012 at 18:47

    Ho assistito ieri alla prima di Superstar.
    Credo seriamente che ci troviamo davanti, per usare una frase dello spettacolo, ad “un fenomeno espressivo completamente nuovo”.
    Bellissimo testo, con un bravissimo attore protagonista.
    Credo che tutti quelli che si riempiono la bocca di Pasolini debbano vedere questo spettacolo.

  • Threaded commenting powered by interconnect/it code.