Programma L’altra scena – Festival di teatro contemporaneo (28 settembre – 30 ottobre, Piacenza)

mercoledì 28 settembre 2011 – ore 21
ATIR
Cleopatràs
di Giovanni Testori – regia Gigi Dall’Aglio – con Arianna Scommegna – al violoncello Antony Montanari
L’attrice Arianna Scommegna, premio Hystrio 2011 per l’interpretazione, in una straordinaria interpretazione teatrale. Dopo i due monologhi che l’hanno fatta conoscere e ammirare dal pubblico, La Molli, divertimento alle spalle di Joyce, scritto con Gabriele Vacis e Qui città di m., scritto per lei da Piero Colaprico, Arianna si confronta con uno dei più importanti scrittori lombardi del nostro tempo: Giovanni Testori. Cleopatràs è il primo dei Tre lai pubblicati postumi nel 1994. Lamento di morte che Cleopatra rivolge al suo amato.

mercoledì 5 ottobre 2011 – ore 21
Piccola Compagnia della Magnolia
La casa di Bernarda Alba
di Federico García Lorca – con Luisa Accornero, Giorgia Cerruti, Andrea Romeri, Claudia Martore, Vanessa Leonardelli, Fabrizia Gariglio, Agla Germanà – regia Antonio Díaz Florián -coproduzione Théâtre de l’Epée de Bois – Cartoucherie de Vincennes
L’estremo capolavoro di García Lorca nella messa in scena del regista Antonio Dìaz-Floriàn è uno spettacolo di grande impatto emotivo e visivo, che chiama il pubblico a condividere con gli attori un rituale di morte fortemente evocativo: una messa da requiem in cui la forza creativa dell’autore trova perfetta rispondenza nel travestimento grottesco cui sono sottoposte le attrici. Una regia originale, concentrata sull’efficacia di una recitazione perfetta calata in un’atmosfera grottesca e quasi demoniaca, con pochi essenziali elementi di scenografia.

mercoledì 12 ottobre 2011 – ore 21
Teatro i
HILDA
di Marie Ndiaye – regia di Renzo Martinelli – con Alberto Astorri, Federica Fracassi e Francesca Garolla
L’angosciante esistenza di una ricca e annoiata signora che vuole al suo servizio una vivace ed energica madre di famiglia, Hilda, che diventa progressivamente proprietà esclusiva della donna e, per pochi soldi, perde la sua esistenza e la sua identità. Marie NDiaye ci offre uno sguardo sulla condizione della donna, sulle frustrazioni e sulle mortificazioni che ancora subisce nella società contemporanea, reinventando in modo attuale e originalissimo la tradizionale dialettica “servo-padrone”.

mercoledì 19 ottobre 2011 – ore 21
Babilonia Teatri
made in italy [recensione] di e con Valeria Raimondi Enrico Castellani – scene Babilonia Teatri/Gianni Volpe – costumi Franca Piccoli – luci e audio IlariaDalle Donne – movimenti di scena Luca Scotton Premio Scenario 2007
Made in italy non racconta una storia. Affronta in modo ironico, caustico e dissacrante le contraddizioni del nostro tempo. Lo spettacolo procede per accumulo. Fotografa, condensa e fagocita quello che ci circonda: i continui messaggi che ci arrivano, il bisogno di catalogare, sistemare, ordinare tutto. Procede per accostamenti, intersezioni, spostamenti di senso. Le scene non iniziano e non finiscono. Le immagini e le parole nascono e muoiono di continuo. Gli attori non recitano. La musica è sempre presente. Come in un video-clip.

mercoledì 26 ottobre 2011 – ore 21
Teatro Sotterraneo
Dies irae _ 5 episodi intorno alla fine della specie [recensioni e approfondimenti] Dittico sulla specie (parte1) creazione collettiva Teatro Sotterraneo – in scena Sara Bonaventura, Iacopo Braca, Matteo Ceccarelli, Claudio Cirri – scrittura Daniele Villa – luci Roberto Cafaggini – costumi Lydia Sonderegger
Non potrai mai camminare a fianco di un neandertaliano. Non potrai mai nemmeno parlare con un mesopotamico oppure osservare il cielo con un maya. Non vedrai l’arrivo di una delegazione aliena sul maxischermo e non vedrai il sole diventare supernova. Il presente è un tempo storico. Il presente è una convenzione. Il presente è soprattutto un perimetro d’azione. Dies irae affronta l’estinzione della specie e dei suoi manufatti, non come evento traumatico ma piuttosto come oblio, come sguardo postumo e ammirato sulle cose del mondo.

domenica 30 ottobre 2011 – ore 21
Maria Cassi
La mia vita con gli uomini… e altri animali
scritto da Patrick Pacheco e Maria Cassi – regia Peter Schneider – al pianoforte Antonino Siringo – produzione Change Performing Arts, Teatro del Sale, Red Shoes Productions e CRT Artificio
Un esilarante corso intensivo sull’amore, la seduzione, la morte e… l’olio d’oliva. A fare da mattatrice sulla scena la dirompente Maria Cassi, attrice di formazione classica con una lunga esperienza di ricerca nel teatro comico e musicale, paragonata dalla stampa internazionale a Charlie Chaplin, Jerry Lewis e Jacques Tati. A plasmare il caleidoscopio dei personaggi di Maria c’è Peter Schneider, Tony Award per la produzione del musical The Lion King e responsabile per la Disney di molti grandi successi.

Biglietti
Posto unico numerato (Platea/Galleria)
euro 10 (intero)
euro 5 (ridotto studenti)

Pass 6 spettacoli
Posto unico numerato(Platea/Galleria)
euro 40 (intero)
euro 20 (ridotto studenti)

Prevendita da martedì 13 settembre 2011