Bando Urgenze 2012 – Nuove Esperienze di Drammaturgia. Scade il 30 di novembre

Con qualche mese di anticipo, eccoci ritornare al progetto NuovEsperienzediDrammaturgia promosso da IDRA (Independent DRAma Residence) e Teatro Inverso. Nella scorsa edizione vennero selezionati nuovi autori da tutta Italia e al termine del percorso creativo-formativo “vinse”, Orme Piene, di Francesca Satta Flores, testo che, come previsto nel bando, venne poi mostrato al pubblico in una lettura scenica nella stagione del Teatro Inverso. Il virgolettato di quel verbo sta a sottolineare come lo sforzo organizzativo e produttivo sia diretto tutto verso il workshop. I 6 artisti selezionati hanno così la possibilità di creare sotto la guida di autori più esperti e a stretto contatto con un tutor di chiara fama e prestigio non solo nazionale.

La scorsa edizione fu Edoardo Erba a svolgere questo ruolo, per l’edizione 2012 Idra si avvarrà del tutoraggio di Stefano Massini, uno dei più prolifici e osannati autori della nuova generazione. Classe 1975, Massini è stato rappresentato a Parigi, Bruxelles, Marsiglia, Toulouse, Lussemburgo e Monaco, con L’odore assordante del bianco (incentrato su Van Gogh e il tema della follia) vinse il Premio Tondelli nel 2005. Qui a Roma, al Teatro India, tra poco vedremo Donna non rieducabile, uno dei suoi ultimi lavori, dedicato alla figura di Anna Politkovskaja con Ottavia Piccolo e la regia di Silvano Piccardi.

Gli autori selezionati saranno impegnati nel progetto da gennaio a maggio con una sessione intensiva di 3 giorni a Brescia nel primo mese del 2012, entro il 1 aprile terminerà la consegna dei materiali inediti ed entro il 20 verrà scelto da una giuria il testo che sarà protagonista della lettura scenica.

Interessante spunto di “Urgenze” è l’assegnazione di un tema ai partecipanti, nell’edizione 2011 gli scrittori partirono dall’anima, quest’anno il tema
è forse più preciso e circoscritto ma non meno interessante, prende infatti spunto da L’interpretazione dei sogni di Sigmund Freud.

Si legge nel bando:

Stefano Massini partirà da alcune delle più note pagine del volume per addentrarsi in uno studio sulle possibilità/potenzialità di questo materiale “incandescente”, figlio al tempo stesso della scienza e della visione, dell’empirico e dell’astratto. Un viaggio nella drammaturgia dell’onirico, che sfrutta le strutture narrative del sogno e le sue filiazioni surreali, in un continuo gioco di rimandi fra dialogo reale e astrazione iconoclasta. Il sogno in fondo è partenza e arrivo di tutto quello che attiene alla creatività umana, e dunque al teatro. Partiamo da Freud per interrogarci su come il sogno possa stimolarci e suggestionarci nella scrittura scenica.

a cura di Andrea Pocosgnich

scarica il comunicato stampa/bando

info su: www.residenzaidra.it/progetti

vai all’articolo dell’edizione precedente