Premio Equilibrio 2011 – I vincitori e le motivazioni della giuria (comunicato stampa)

Dal comunicato stampa:

EQUILIBRIO

Festival della nuova danza

Settima edizione

PARKIN’SON di GIULIO D’ANNA

e

WILL” di VALENTINA BULDRINI E MARTINA LA RAGIONE

VINCONO EX AEQUO

IL PREMIO EQUILIBRIO ROMA 2011

Il Premio Equilibrio è stato assegnato quest’anno per la prima volta ex aequo a Giulio D’Anna per lo spettacolo “Parkin’son” che “ha creato un forte impatto emotivo danzando con suo padre” e a Valentina Buldrini e Martina La Ragione per lo spettacolo “Will” che “ha voluto esprimere la distorsione del corpo e la sua inusuale bellezza”.

Alle compagnie sarà quindi assegnato il contributo di 7.500 euro ciascuna per approfondire e sviluppare i loro progetti da presentare nel corso dell’edizione 2012 del Festival Equilibrio.

La giuria internazionale, composta da

Cornelia Albrecht – Germania

Tanztheater Wuppertal Pina Bausch e condirettore di Kühlhaus Center, Berlino

Mathurin Bolze – Francia

coreografo Compagnia Les Mains les Pieds et la Tête Aussi

Kristien De Coster – Belgio

general manager Compagnia Ultima Vez’

Hisashi Itoh – Giappone

produttore arti dello spettacolo

Cathy Levy – Canada

produttore danza National Arts Centre of Canada.

ha scelto i lavori delle compagnie con le seguenti motivazioni:

La giuria ha apprezzato la particolarità di entrambi i duetti, la capacità di assumersi rischi e il tentativo di spingersi oltre i limiti delle attese convenzionali attraverso l’uso di strumenti estremamente semplici.

La motivazione della giuria nell’ assegnare un premio ex aequo è data dalla volontà di sostenere le potenzialità di entrambi i duetti intimistici e di premiare il coraggio dimostrato nel condividere con gli spettatori la propria visione estetica, di auto-rappresentazione e di relazione tra pubblico e privato”.

Gli spettacoli facevano parte della rosa degli 8 finalisti della quarta edizione del Premio Equilibrio, selezionati dal Direttore artistico del Festival Sidi Larbi Cherkaoui.




Vai all’articolo (vincitori e finalisti)