Caino del Teatro Valdoca: pensieri critici a più voci

Invece di scrivere una recensione raccogliamo qui 5 proposte di di discussione su quello che l’ultimo e atteso spettacolo del Teatro Valdoca ci ha suggerito all’indomani delle sue repliche al Teatro Palladium di Roma.

 

Caino e il doppio di Chiara Pirri
È un’opera sul doppio, quest’ultima messa in scena del Teatro Valdoca.
Caino e Abele, la voce-corpo di Danio Manfredini, che costruisce il suo personaggio nelle profondità della cassa toracica da cui riecheggia una voce che pare costituita di più piani, il volto impassibile, il corpo quasi sempre immobile, solo l’ombra che si proietta sul fondale ci rimanda la sua presenza fisica. E poi la voce. Lì il segreto del suo personaggio, la voce di Danio Mandfredini è già corpo-materia. Si oppone a lui un Abele afono, un giovane ragazzo del coro, trascinato da Lucifero (Leonardo Delogu), disteso su di un altare sotto un lenzuolo bianco: la morte dell’umano buono, del fratello giusto. Eppure, se crediamo al doppio come elemento costitutivo, Abele non potrebbe esistere senza la violenza di Caino.
Qui è la magia del Teatro Valdoca, dove spirituale e carnale, profezia-ideale e visione delle brutture del mondo reale e quotidiano coesistono. È il contrasto tra l’apollineo dei testi di Mariangela Gualtieri e la messa in scena dionisiaca di Cesare Ronconi. I piedi a terra e lo sguardo rivolto verso l’alto.

Sulla stasi di Matteo Antonaci
Opera sul doppio, certo, come scrive Chiara, il Caino di Teatro Valdoca. Ma, io credo, di un doppio lontano dal rapporto dicotomico, fautore del tragico, che intercorre tra l’apollineo e il dionisiaco nietzschiano. Proprio questo mi inganna dinanzi allo spettacolo: la ricerca dell’ebbrezza, dell’azione che separa Caino da Abele, l’umano dal divino, la civiltà, il progresso, dalla stasi eterea del paradiso. L’unità di azione che è caratteristica prima del teatro quanto dell’essere uomo. Invece, nel Caino di Valdoca, lo sguardo si perde in uno spazio sempre uguale a se stesso, in cui figure sfocate galleggiano inafferrabili.
Il segno è privo di ambiguità, incatenato al suo significato. Il rapporto tra Caino e Abele rimane irrisolto, fagocitato dalla voce di Danio Manfredini, che, lungi dal fuggire dal paradiso, rimane imprigionato nelle sue regole, circondato da un coro inetto che solo suggerisce in parola l’idea della tragedia ma non il suo svolgimento. La danza di Raffaella Giordano è figura ma non immagine. Il suono creato dal vivo è maschera, non ri-velazione. Né lineare, né circolare, il tempo, mancando l’azione, non esiste. È la stasi del verbo, della parola di Dio che viene prima della luce, della vocale che viene prima dell’essere. Il doppio si pone come statica unicità, il verso poetico echeggia vacuo nell’aria, in un altrove respingente dal quale si rimane costantemente accecati, come Dante nel paradiso della sua Divina Commedia.

Una ferita che non fa sanguinare. di Michelle Martini
Il disordine visivo e tematico è un punto di partenza necessario che però non vede uno sviluppo. La regia, l’interpretazione, le parole pretendono di trafiggere lo spettatore, lasciando in pegno la consapevolezza di una dannazione. Eppure mai nessuno spiraglio viene aperto tra palco e platea. L’anarchia di gesto e movimento, seppur frutto di un’accurata scrittura scenica, distrae, allontana ulteriormente un testo già poco accessibile. La potenziale riflessione del pubblico è annullata da un’eccessiva presa di posizione da parte dello spettacolo stesso, che non lascia aperture. Scelto un tema così complesso, con tutto il retaggio biblico attaccato ai calcagni, s’impone all’artista uno sforzo di responsabilità che ammetta la fallibilità dell’operazione. Nessuno degli elementi in scena ha il coraggio di fare un passo al di là del muro alzato di fronte alla platea. Così la potenza si annulla in una contrazione sterile. Magari bella, qua e là, visivamente. Ma sterile.

Caino e il misfatto dell’autocontemplazione di Simone Nebbia
Quando un nodo resta legato a sé, prende una brutta sensazione di asfissia. È questo sentimento che accoglie il Caino della Valdoca, nel considerare il disequilibrio fra il testo poetico e l’approccio scenico: i nodi restano nodi, le articolazioni impedite al movimento, la dicibilità dunque compromessa. Il testo della Gualtieri è denso ma non fa che dire meglio il già noto, a proposito del male connaturato al bene (Leopardi), di Caino omicida di sé stesso; la resa scenica di Ronconi non lo discute e soltanto lo sottolinea, scaricando sugli interpreti il senso vuoto e aritmico della loro presenza. I due piani dunque mancano di coordinazione perché non sembrano confrontare i propri stimoli percettivi, vanno in direzioni eterodosse rispetto alla religione della scena, che li vorrebbe uniti, convertiti alla vivibilità dell’accadere: ecco dunque che si finisce col perdere di vista il fine, così presi a contemplare il mezzo.

Se la parola non si fa teatro di Andrea Pocosgnich
C’è un momento nel quale bisogna fare i conti con quello che lo spettacolo lascia sul pubblico, intendo addosso. Capire se rimane insomma quel manto di incertezze, paure, emozioni e straniamenti razionali.
Lo spettatore è un interlocutore dunque, oppure è semplicemente un fruitore del momento spettacolare? La domanda è retorica e naturalmente rivolta alla compagnia Valdoca e ai suoi più accesi fan.
Ecco, guardando questo Caino sembra che il pubblico sia estromesso proprio dalla teatralizzazione della parola. Questo non perché si è voluto creare un doppio binario di azioni e parole, dove le azioni giustamente non sempre seguono la logica del testo, ma perché performance e ars declamatoria rimangono incapaci di contaminarsi. I due piani non incrociandosi mai non creano quella vibrazione di cui il pubblico si nutre, non generano in definitiva “il teatro”, ma lavorarono nella creazione di qualcosa che, con una provocazione, potremmo chiamare: un reading di Mariangela Gualtieri con performance e installazioni sceniche a cura di Cesare Ronconi.

visto dal 10 al 13 febbraio 2011
Teatro Palladium [vai al programma 2010/2011] Roma

Leggi l’articolo di presentazione con il cast completo

Prossime date in tournée:

5 marzo 2011
Stagione 2010/2011 Teatroltre del Teatro Rossini
presso Teatro Rossini, Pesaro (PU)
www.amatmarche.net

19-20 marzo 2011
Stagione 2010/2011 del Teatro Bonci – ERT
presso Teatro A. Bonci, Cesena (FC)
www.teatrobonci.it

13-14 aprile 2011
Stagione 2010/2011 del Teatro Ariosto – I Teatri di Reggio Emilia
presso Teatro Ariosto, Reggio Emilia
www.iteatri.re.it

18-22 maggio 2011
Stagione 2010/2011 del Teatro della Luna di Milano
PROGETTO SPECIALE
presso Palazzo del Ghiaccio, Milano
www.teatrodellaluna.com

Comments
  • Paolo Mariola 18 febbraio 2011 at 15:53

    Ho visto Caino al Palladium settimana scorsa e sono rimasto interdetto, non tanto dal testo, quanto dalla messa in scena che mi è sembrata poco curata e con un palco nel quale erano un pò affastellasti troppi oggetti, troppi simboli o presunti tali, con gli attori che facevano quasi fatica a districarsi ed a farsi notare, il tutto non credo per scelta di regia. Nonostante la lunga gestazione dello spettacolo, non mi sembra che il tempo abbia giocato a favore di Ronconi e C., sinceramente “Paesaggio con fratello rotto” mi era sembrato uno spettacolo più compiuto.

  • Emanuela Cocco 22 febbraio 2011 at 13:17

    Documentandomi sul Piero Gobetti critico teatrale ho trovato un passo che si adatta perfettamente a ” Caino” di Teatro Valdoca:
    ” I personaggi (…) restano schematici, come tali – è chiaro – sono mere astrazioni. Bisogna, perchè vi sia arte, che questi elementi meccanici e freddi abbiano la loro vita e il loro calore altrove che in se stessi;bisogna che l’intreccio, presentato nella sua romantica immediatezza e meccanicità, diventi mera occasione per il dispiegarsi di un’altra rappresentazione della vita, concreta e vitale.”
    I personaggi caratterizzati non si rivelano mai, la quasi parafrasi delle elegie di Rilke offre qualche suggestione, ma l’emozione del contatto con l’umano nelle piccole cose resta solo parola e non si fa mai emozione. Il mio parere da semplice spettatrice: noia somma.

  • Threaded commenting powered by interconnect/it code.