ZoomTeatro 2010 – Transiti Urbani – Il festival invade la città di Scandicci

Ha avuto inizio martedì 7 Dicembre la quinta edizione di ZoomTeatro a Scandicci, celebre festival toscano, che, per il 2010, sceglie di invadere letteralmente la città ospitale e non a caso prende il titolo di Transiti Urbani. Fino al 12 Dicembre il festival, diretto da Giancarlo Cauteruccio, curato dalla compagnia teatrale Gogmagog e realizzato da Scandicci Cultura e Compagnia Teatrale Krypton con il sostegno della Regione Toscana, metterà in relazione le giovani compagnie con i luoghi affascinanti e inusitati della città. Da alberghi a palestre, da biblioteche a ristoranti fino ad un salone da barbiere.

Sono proprio questi alcuni degli spazi che si affiancheranno alla sala del Teatro Studio di Scandicci, cuore del festival, all’interno della quale si alterneranno spettacoli, dj set e convegni. Se i primi due giorni del festival sono esplosi con lo scatenato Muddy Moody Fight del gruppo Fosca, che invita il pubblico ad una vera e propria battaglia nel fango con tanto di ring e costumi, dalle incursioni in hotel di Alessia Innocenti, e dall’analisi delle pieghe più segrete dell’amore condotta da AnimaNera, la vasta programmazione del festival continua nel tentativo di tracciare una mappa (urbana) dei differenti linguaggi connessi alla scena teatrale.

Oggi 9 Dicembre, David Batignani presenterà Assolutamente solo (uno spettacolo di trasformismo), tematizzando il rapporto che intercorre tra padri e figli, mentre Citepò condurrà il pubblico nella fascinosa dimensione del Nouveau Cirque per raccontare, con Sogni e Fagotti, costruzione dell’identità e migrazione.

Trenta saranno gli oggetti utilizzati il 10 Dicembre da Gogmagog nel loro nuovo spettacolo (che proprio da tale numero prende il nome); una pièce composta da undici micro-testi caratterizzati da houmor nero e cronaca surreale, per raccontare la storia recente del nostro bel paese. Sempre il 10, Teatro dell’Elce presenta il Salone di Z***, una performance sensoriale nella quale due spettatori alla volta, bendati, saranno stimolati da odori, rumori e oggetti di un salone da barbiere. Concludono il festival il 12 Dicembre figlidiunbruttodio di Musella-Mazzarelli, spettacolo vincitore del bando IN-BOX 2010 e la compagnia Capo Trave con Virus.

Tangenziali, incroci, e isole periferiche della scena teatrale sono i Dj Set ospitati da Zoom (Venerdì 10 e Sabato 11 Dicembre) e l’interessante sezione Zoom_Arti Visive che ospiterà per tutta la durata del festival l’opera Canzonette di Filippo Berta – un video-documento di alcune performance realizzate a Bergamo con immigrati di diverse provenienze invitati a fischiettare i motivi di due canzoni popolari della tradizione cittadina -, e, Sabato 11 Dicembre, Rumors, performance di Marcella Vanzo per un tentativo di decostruzione della rappresentazione a partire dalla trama del mito greco di Medea.

Matteo Antonaci

dal 7 al 12 dicembre 2010
Scandicci

Per info:
www.scandiccicultura.it