Programma Festival Voci di Fonte 2010

Leggi l’articolo di presentazione

dal 15 al 21 giugno > ore 19,45 Fonti delle Monache
B.I.C.U.S.
laLut/Lenzi-Lurini
Ti è mai capitato che uno sconosciuto in treno o alla fermata dell’autobus, senza nessuna apparente ragione, dopo avere attaccato discorso cominciasse a spiattellarti impudicamente fatti suoi anche molto privati, mettendoti in una situazione di curiosità e d’imbarazzo, di voglia di restare e di andartene al contempo?

15 e 16 giugno > ore 21 Santa Maria della Scala
L’ULTIMO NASTRO DI KRAPP
Fondazione Teatro Due
È il suo sessantanovesimo compleanno e, nel cuore della notte, Krapp si appresta a celebrare il suo personalissimo e solitario rito di festeggiamento: dopo aver consumato almeno un paio di banane, di cui è ghiottissimo, inciderà su un vecchio registratore a bobine gli eventi più significativi dell’anno appena trascorso.

15 e 16 giugno > ore 22,30 Fonti di Pescaia
COL SOLE IN FRONTE
Maurizio Camilli/Balletto Civile
Una parete metallica, uno spazio instabile, vivo e in cambiamento.
Un simpatico guascone che affronta la vita e il pubblico con grande sfrontatezza.
È un giovane erede della borghesia industriale veneta, e poi c’è la sua giovane badante mulatta.
Il padre morto e una madre ingombrante.
Una famiglia che lotta per lo sterile impero dell’alluminio. Una drammaturgia frammentaria che distilla i ricordi e ricostruisce uno scenario familiare, apparentemente normale.

17 giugno > ore 22,30 Fonti di Pescaia
I GATTI MÉZZI in concerto
Roba da gatti mézzi, dicevano i nostri padri per sottolineare la scabrosità e la bassezza di una situazione ai limiti del dignitoso. La peggior cosa che possa capitare ad un gatto è essere sorpreso da un diluvio in un vicolo di notte o una piena del fiume in città.
L’immagine evocativa di due gatti infradiciati scorazzanti in un vicolo notturno alla ricerca di una lisca o di una compagna in calore è l’idea che ci ha affascinato per raccontare una Pisa borghese, globalizzata e tecnologica che si sta dimenticando dei propri vicoli bui e puzzolenti, dei suoni e dei rumori che li animano e dei loro abitanti secchi e spelacchiati che vivono fra un miagolio d’amore e uno di disperazione.

18 e 19 giugno > ore 21 Santa Maria della Scala
FRAGILE SHOW
Biancofango
Con FRAGILE SHOW si conclude la nostra personale ricerca drammaturgica e scenica sul tema dell’inettitudine. Una trilogia che si è delineata sempre più non come un percorso alla ricerca di domande e di conclusioni, ma come il tentativo di scovare, imparare e sostenere il ritmo di un respiro, il respiro di chi si sente sempre al di qua, di chi non riesce a trovare la propria strada eppure la desidera disperatamente.

18 giugno > ore 22,30 Santa Maria della Scala
A PUSHKIN
Anna Tereshchenko
Pushkin…
Una storia di teatro unica! La giovane attrice russa Anna Tereschenko, dopo il successo nei teatri di Mosca, e la prima assoluta in italiano presso il teatro “Lolli” di Imola (Festival InVisibili) propone al giudizio del pubblico italiano il monologo scritto e interpretato da lei, “A Pushkin…”.

19 giugno > ore 21 Fonti di Pescaia
I SUONI DI SEMPRE concerto
Sul filo dell’improvvisazione, il sax di Stefano Cocco Cantini, ricamerà melodie che percorreranno un iter vario ed interessante, accompagnato da Giulio Stracciati alla chitarra e Ares Tavolazzi al contrabbasso. Il repertorio sarà composto da brani originali, canzoni riviste in chiave jazz e standards.

19 giugno > ore 22,30 Fonti di Pescaia
RITRATTI DI DONNA concerto
Maria Laura Bigliazzi Quartetto
“Ritratti di donna” è un omaggio ad alcune figure femminili che esprimono la loro sensibilità e creatività nella musica come compositrici autrici e interpreti e che hanno lasciato un’impronta artistica personale e originale. Canzoni, parole, suoni, ma soprattutto “punti di vista” che delineano diverse storie di donne.

20 giugno > ore 21 e 21 giugno > ore 22,30 Santa Maria della Scala
SENZA LEAR
Isola Teatro
Immaginiamo di essere tre sorelle, chiuse in una stanza, che aspettano di essere chiamate a fare una dichiarazione d’amore pubblica al loro papà, il Re. In cambio, se tutto andrà come deve andare, riceveranno la loro eredità. Terre, fiumi e campagne, il potere e la responsabilità di gestire lo Stato, stanno aspettando di passare di mano. I giovani diventeranno adulti e i vecchi, vecchi. Il ciclo della vita si compirà, naturalmente.

20 giugno > ore 22,30 e 21 giugno > ore 21 Santa Maria della Scala
FESTA Effusioni in controluce tra gente per bene
laLut/Francesco Pennachia
Io sono gentile
Si, gentile con tutti
Esco di casa e saluto sorridendo
Volentieri stringo le mani e mi preoccupo di chiedere “come stai?”
Se qualcuno non è d’accordo con me, dopo un po’ non lo sono neanch’io.

22 e 23 giugno > ore 19,45 Sala Lia Lapini
IL GIOCATORE
Egumteatro
Autentico romanzo di suspense “Il giocatore” fu scritto da Dostoevskij nel periodo del suo turbolento soggiorno all’estero, durante il quale lo scrittore cadde effettivamente preda del demone del gioco.

22 e 23 giugno > ore 20,50 Fortezza Medicea
L’ESTATE. FINE
Teatro delle Ariette
Al di là delle convinzioni politiche, etiche o religiose, delle condizioni sociali e dei ruoli, dei luoghi e dei tempi è successo che la vita ci ha portati di fronte alla morte, in un territorio dove non ci sono certezze, un territorio che ha la consistenza e le regole del sogno. Lì è germogliata L’ESTATE.FINE, sulle domande di Pasolini, sul nostro stupore di fronte al mistero.

Leggi l’articolo di presentazione

15 – 23 giugno 2010
Fonti di Pescaia
Fonti delle Monache
Santa Maria della Scala
Sala Lia Lapini
Fortezza Medicea
(Siena)