The Problem: la coppia secondo A.R.Gurney Jr nell’interpretazione di Saba Salvemini e Annika Strohm

annika-strc3b8hm-e-saba-salvemini-in-the-problem

Qual è il problema? Sembra che l’unica strada per le coppie moderne sia crearsene, annientare la bontà dell’unione, dei sentimenti semplici, corroborando il rapporto di storture ogni volta sempre diverse, perché se ne abbia il rinnovamento. Di questo si nutrono i legami moderni, oggi che perduto è il metro per comprendere la reale urgenza alla coesione e alterato il sintomo che la sincerità sia davvero – perdono per il bisticcio – sincera. E di questo si nutre questo The Problem, drammaturgia originale in commedia di A.R.Gurney Jr. per la prima volta in Italia, tradotto, diretto e interpretato da Saba Salvemini e Annika Strohm.

Tema dello spettacolo è la noia del matrimonio, oggi che mille diversità rendono ciò che è normale invivibile e troppo rapidamente dimenticabile. Così ecco la scoperta forse tardiva di una incompatibilità malamente sopita, distratta da mille altri impegni. Ma è tardi? Oppure c’è ancora spazio per salvare qualcosa? La resa scenica è una “situazione”, lasciata strutturalmente nuda, iperreale al punto che il rischio è quello di annullare la portata semantica del testo. Invece Salvemini e Strohm costruiscono con un certo garbo un corpo esile e quasi votato all’idiozia, ma funzionale a questo iperrealismo che colpisce duramente alcune certezze arcaiche che irrigidiscono le nostre posizioni nei legami, paradossalmente nell’incertezza dei rapporti.

Il ritmo è basso, e se da un lato il rischio è di impoverire alla lunga lo spettacolo, dall’altro non si fa pesante la struttura e questo è un bene che mi convince; questo ritmo dunque trova il suo battere ad evitare la furia di certe interpretazioni da commedia e lasciano spazio a un testo interessante e ironico, che tratta il tema difficile della perversione, quando questa smette di essere individuale e influenza le relazioni.

Dunque uno spettacolo interessante, in cui i temi della coppia sono portati all’estrema conseguenza della finzione, per dirne la realtà, un rapporto che è una matrioska di simulazioni, da sfogliare come una cipolla, a cercarne un cuore che sia pulsante di una qualche sincera verità. La verità, sempre così nascosta, sempre così inaccessibile. Forse che sia questo il problema?

Simone Nebbia

visto al Teatro Arvalia
il 19 Aprile 2010
Rassegna Mutamenti 2010 [vai all’articolo di presentazione]

The Problem
Una coppia in commedia
Di A.R. Gurney Jr.
Traduzione di Annika Strohm e Saba Salvemini
Di e con Annika Strohm e Saba Salvemini

SHARE
Previous articleCome spiegare la Storia del Comunismo ai malati di mente. Al Teatro Valle dal 27 aprile
Next articleLa “Città di M.” secondo Sinigaglia al Teatro Furio Camillo: tra noir e inchiesta la tetra foto della realtà metropolitana
Critico teatrale, ha una formazione interamente letteraria. Animatore del quotidiano di informazione teatrale onlinewww.teatroecritica.net, collabora con Radio Onda Rossa e ha fatto parte parte della redazione de I "Quaderni del Teatro di Roma", periodico mensile diretto da Attilio Scarpellini. Nel 2013 è co-autore del volume "Il declino del teatro di regia" (Editoria & Spettacolo, di Franco Cordelli, a cura di Andrea Cortellessa) e collaboratore della rivista "Orlando" (Giulio Perrone Editore) diretta da Paolo Di Paolo. Ha collaborato con il programma di "Rai Scuola Terza Pagina". Uscito a dicembre 2013 per l'editore Titivillus il volume "Teatro Studio Krypton. Trent'anni di solitudine". Suoi testi sono apparsi su numerosi periodici e raccolte saggistiche. È, quando può, un cantautore.