Premio Lia Lapini 2010: il bando scade il 1 aprile

Senza Lear di M. Gilmore, Armando Iovino, E. Porciatti, L. Riccioli, P.Sabatini
Senza Lear di M. Gilmore, Armando Iovino, E. Porciatti, L. Riccioli, P.Sabatini – vincitore Premio Lia Lapini 2009

Attenti come sempre alla geografia delle opportunità lavorative, a quei soggetti insomma che con serietà cercano ogni anno di creare dinamiche all’interno del nostro sistema teatrale per far emergere le novità della scena italiana, eccoci a parlare del premio Lia Lapini.  Presentato dal Festival Voci di Fonte (manifestazione organizzata dal Comune di Siena e da laLut – Centro di ricerca e produzione teatrale) il premio è intitolato all’omonima studiosa scomparsa nel 1999, docente di Storia del Teatro presso le università di Firenze e di Siena, fondatrice di riviste e animatrice del dibattito sul teatro moderno e contemporaneo.

Il bando si prefigge il compito di scovare nuovi progetti teatrali che abbiano nella “scrittura scenica”  (intesa come creazione di un linguaggio autonomo che vada oltre il testo scritto) la propria genesi. Vincitore dell’edizione 2009 è stato il gruppo Isola teatro con Senza Lear, spettacolo al quale  abbiamo avuto modo di assistere al Teatro Colosseo di Roma, tra i selezionati del Napoli Teatro Festival 2010 nella sezione Fringe.

L’opportunità data dal Premio Lia Lapini è interessante non solo per gli scopi, che prevedono un contributo di produzione fino a 10.000 euro, la presenza dello spettacolo vincitore al Festival Voci di fonte 2011 e un accompagnamento alla nascita del lavoro, ma anche per la trasparenza con la quale il premio stesso sembra essere gestito, almeno sulla carta.

Venendo alle informazioni pratiche. Entro il 15 maggio verranno selezionati i quattro progetti finalisti che dovranno portare una dimostrazione di massimo 15 minuti al Festival 2010, qui verrà scelto il vincitore dei 10.000 euro destinati alla produzione dello spettacolo.

Direttamente dal bando ecco le regole di partecipazione:

- Il bando è rivolto ad artisti emergenti che abbiano compiuto almeno 18 anni. Possono partecipare gruppi o singoli artisti, tramite la proposta del regista/responsabile del progetto.
- Sono escluse le formazioni di teatro ragazzi e le compagnie amatoriali. Si selezionano progetti
inediti, che non abbiano ricevuto altri premi alla data di presentazione della domanda.
- Il vincitore sarà tenuto a fronte del sostegno economico, a garantire due repliche nell’ambito dell’edizione 2011 del Festival.
- Successivamente alla data di presentazione della domanda è ammesso che il progetto sia presentato o realizzato in parte, sotto forma di studio.
- Fra la premiazione e la replica all’edizione successiva del Festival, vi potranno essere presentazioni di lavoro, studi ed eventualmente il debutto, purché al di fuori dalla Regione Toscana. Tale regola è in relazione alla possibilità che il progetto vincitore sia co-prodotto o sostenuto insieme ad altri soggetti che ne richiedono il debutto. In nessun caso il debutto potrà avvenire prima di tre mesi dalla data di premiazione, pena la revoca del sostegno economico.
- Le compagnie che intendono partecipare possono aver percepito per le proprie produzioni
finanziamenti dallo Stato e/o Regioni per un limite annuo di euro 20.000. La partecipazione al bando è gratuita.
- Il progetto vincitore dovrà recare in tutti i materiali la dicitura “Progetto vincitore Premio Lia Lapini 2010” e “co-prodotto da laLut/Festival Voci di Fonte”.

Scarica il bando completo

Comments
Trackbacks