Melò

uno spettacolo di Mirko Feliziani

Produzione Teatro di Roma

con Elena Borgogni, Beatrice Ciampaglia, Mirko Feliziani

Meló vuole essere un pezzo di teatro da camera, una suite, quasi una drammaturgia di “piccole danze” e variazioni sui temi echeggiati dal titolo. Il pubblico osserverà i personaggi con sguardo da voyeur, cogliendone i piccoli gesti quotidiani che adombrano la tensione sotterranea che li lega fra loro; proverà, persistente, la sensazione di pericolo imminente, credendo a tratti che la tensione possa esplodere davanti ai suoi occhi e che il peggio possa accadere; riceverà allora d’improvviso l’attenzione diretta di quei personaggi, per essere così impudicamente messo a parte dei loro interrogativi e dubbi. La scrittura di Meló è frugale e scarna: la parola è un contrappunto a sguardi e gesti dei personaggi, quasi svuotata di sostanza per via della sovrabbondanza di ripetizioni e variazioni che spingono lo spettatore ad abbandonare ed andare oltre il senso letterale della vicenda. La trama su cui gioca Meló è presto detta: una giovane ragazza incinta, aiutata dal fratello, si introduce in casa dell’amante del suo compagno per sottrarle il neonato che ella ha avuto a sua volta da lui.
Mirko Feliziani